A- A+
Politica
berlusconi bersani 500

La direzione del Partito democratico di oggi ha sancito un nulla di fatto. Passa la linea di Bersani: continuare con le aperture al Movimento 5 Stelle sulla base di otto punti programmatici condivisi. Ma da Beppe Grillo i no arrivano uno dietro l'altro. Di fare un governo con il Pd o di dargli la fiducia, anche su un programma condiviso, proprio non ha alcuna voglia. E allora che cosa succederà da qui ad un mese, quando Napolitano dovrà nominare il Presidente del Consiglio?

Si va delineando uno scenario che nelle sedi di Pd e Pdl hanno appena il coraggio di sussurrare. Eleggere Berlusconi alla presidenza del Senato e Bersani a quella della Camera. L'ipotesi non è così peregrina, anche se richiede una buona dose di coraggio. Se non si vuole tornare alle urne ed evitare che i mercati facciano a brandelli l'Italia, quello che occorre (e che Napolitano ha più volte auspicato sotto traccia) è un esecutivo di larghe intese, magari di durata variabile. L'ostacolo più grande sulla strada sono i due leader: Berlusconi e Bersani.

ll Cavaliere non ha alcuna voglia di farsi da parte come abbiamo visto l'anno scorso, quando per poche settimane si pensò che potesse passare la mano ad Alfano o aprire alle primarie. La sua è una necessità: ha troppe cause pendenti per potersi 'pensionare'. Ma potrebbe sfruttare proprio il fatto di non avere condanne definitive per farsi eleggere. Certo c'è da superare la ventennale repulsione della sinistra.  Il Cavaliere è talmente odiato dalla sinistra che la sua sola presenza in una stanza farebbe ribollire il sangue nelle vene ai democratici.

E Bersani? La sua sconfitta alle urne, perché tale è stata, lo ha delegittimato all'interno del partito e all'esterno. Durante la Direzione gli animi non si sono accesi, ma al Congresso di ottobre il segretario non uscirà vivo. Non ha neppure la forza elettorale per creare un suo governo. La soluzione migliore è che si ritagli un ruolo di primo piano alla Camera, come Presidente. In questo modo i due partiti potrebbero riavvicinarsi e cooperare per la costruzione del governissimo. E a chi Napolitano affiderebbe lo scettro del comando? Passera ha risposto con un sibillino "chi può dirlo" sul suo futuro in politica e non ha voluto commentare l'ipotesi, sollevata da Grillo, che lo vedrebbe come 'naturale' premier di un futuro governo di larghe intese.
 

Tags:
bersaniberlusconigovernissimocamerasenato
in evidenza
Arriva l'aria polare dalla Svezia Fine maggio brividi. Previsioni

Meteo

Arriva l'aria polare dalla Svezia
Fine maggio brividi. Previsioni

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari SEA, Air Canada lancia il collegamento non-stop tra Milano Malpensa e Montreal

Scatti d'Affari
SEA, Air Canada lancia il collegamento non-stop tra Milano Malpensa e Montreal


casa, immobiliare
motori
DS Automobiles svela le sue Edizioni Limitate

DS Automobiles svela le sue Edizioni Limitate


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.