A- A+
Politica

Di Alberto Maggi
@AlbertoMaggi74

 

bersani quirinale

Pier Luigi Bersani è stato il primo a parlare di miracolo. E affinché diventi presidente del Consiglio (di fatto e non solo incaricato) serve proprio un miracolo. La chiave è il Quirinale. E Giorgio Napolitano è stato netto: servono numeri certi. Nonostante i "passi avanti" sbandierati Bersani non li ha. Punto. I 53 senatori del Movimento Cinque Stelle hanno votato all'unanimità no secco alla fiducia. La Lega si è allineata con il Pdl sulla richiesta di un governo di larghe intese. E perfino il Centro montiano non è disponibile a sostenere un esecutivo di minoranza. Bersani ci ha provato sperando di ottenere il via libera dal capo dello Stato per formare un governo che poi, con ministri "rivoluzionari" della società civile, vada in Aula e cerchi di ottenere la fiducia tra pentiti grillini e astensioni dell'ultimo momento.

Ma il gioco del leader democratico è altamente pericoloso e Napolitano non ci sta. Non vuole rischiare di avere un governo sfiduciato a Palazzo Madama e in grado di gestire solo l'ordinaria amministrazione. Per questo, salvo appunto miracoli, Bersani rimetterà il mandato al Presidente che aprirà nuove consultazioni. Non si possono sciogliere le Camere e come ha fatto capire il leader di Fratelli d'Italia Guido Crosetto, Napolitano farà anche "tre o quattro tentativi".

Il prossimo sarà una personalità indicata comunque dal Pd, in quanto forza di maggioranza relativa in Parlamento, ma non sgradita al Centrodestra. Il nome principale che circola è quello di Corrado Passera, ex banchiere e ministro montiano che ha mollato il Prof prima della campagna elettorale (leggi 'E ora grande coalizione guidata da Passera', il commento del direttore Angelo Maria Perrino scritto il 25 febbraio). E quindi ancora spendibile. In sostanza si lavorerebbe a un governo del Presidente e/o di scopo per affrontare l'urgenza della crisi economica, tentare di riformare la legge elettorale e riportare il Paese alle elezioni in autunno o all'inizio del prossimo anno. L'incognita è il Pd. Se passa la linea Fassina del no a qualsiasi ipotesi che non sia Bersani, niente Passera (o chiunque altro) e si torna al voto con il Porcellum. Ma i renziani (e non solo) daranno battaglia contro la linea oltranzista, aprendo una breccia nel monolite democratico.
 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
quirinalebersanigovernonapolitanofiducia
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza


casa, immobiliare
motori
Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021

Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.