A- A+
Politica
Blitz ambientalisti, chi c’è dietro agli imbrattatori di Ultima Generazione
Il Senato imbrattato da Ultima Generazione

Blitz ambientalisti, scoperti i "mandanti" di Ultima Generazione: l'analisi del caso 

E alla fine si è scoperto tutto seguendo l’adagio di Giovanni Falcone: seguire i soldi. E seguendo i soldi si è giunti, passo dopo passo, finalmente ai “mandanti” dei blitz degli imbrattatori seriali di Ultima Generazione. E l’intuito non ha sbagliato. Dietro Ultima Generazione ci sono i soliti radical chic, però questa volta non solo nostrani che sono pure tirchi, ma quelli americani, che di soldi ce ne hanno a bizzeffe ed essendo perennemente annoiati si dedicano a finanziare corbellerie di ogni specie.

Ma procediamo con ordine. È purtroppo a tutti nota l’attività di “Ultima Generazione”, un gruppo di anarco – ambientalisti specializzato in imbrattare opere d’arte con predilezione per i Van Gogh. Quando non imbrattano quadri famosi invece imbrattano le istituzioni repubblicane, come la sede del Senato. Quando infine si stancano della vernice -che sporca pure-, si dedicano i ai blocchi stradali. Specializzazione Roma, ma anche Milano.

I blocchi sono sempre effettuati per danneggiare chi va a lavorare in modo da procurare il massimo danno possibile a poveri cristi che devono sbarcare il lunario. Questo li ha resi particolarmente odiati dall’opinione pubblica e sta danneggiando la causa dell’ambiente e della lotta ai cambiamenti climatici.

Alcuni se ne sono resi conto e hanno cominciato a mettere le mani avanti. Ad esempio, il leader dei Verdi Angelo Bonelli, già ampiamente scottato dalla vicenda Soumahoro, ha incontrato la scorsa estate i reprobi, ma ora ne prende le distanze come le ha prese anche Francesco Rutelli: combattere per un ideale va bene ma con questi metodi no.

Ieri è uscito un interessante articolo su la Verità a firma Sergio Giraldo che riporta uno scoop e cioè chi finanzia UG. Opera meritoria perché si è scoperto che al capolinea climatico c’è –come al solito- una organizzazione americana, il “Climate Emergy Fund” con sede a Beverly Hills, Los Angeles, Usa. Il nome non dice niente perché è un nome tipicamente radical – chic, ma dietro c’è polpa. Guardando il sito si legge che il direttore esecutivo è la 36enne Margaret Klein Salamon, psicologa clinica. E anche qui si sta seguendo un canone. Mettere una perfetta sconosciuta eccita come salamandre i ricconi che possono poi dire che tutti sono uguali.

Ovviamente invece tutto il board è composto dai soliti sceneggiatori e produttori di Hollywood. Il premio Oscar, regista e produttore Adam McKay, che ha fatto il film “Don’t look up” e l’anno scorso ha regalato 4 milioni di dollari a Vice e similari. Non poteva mancare Aileen Getty, filantropa dei petrolieri Getty e Rory Kennedy, figlia di Bob (il fratello di John Fitzgerald Kennedy, ucciso nel 1968), regista e produttrice cinematografica. Questo per citare i più noti.

Quindi la vernice rosa ed arancione non viene da Ikea, come i più ingenui hanno subito pensato, ma viene da Oltreatlantico dove i ricconi annoiati della West Coast hanno deciso di finanziarie gli attivisti nostrani con gli eco-dollari. Sarà una consolazione per i lavoratori bloccati sul raccordo anulare romano sapere che gli autori dei misfatti hanno mandanti così autorevoli e soprattutto ricchissimi. E questo spiega pure la sospetta perfezione scenica delle azioni che sono sempre ineccepibili dal punto di vista tecnico, è Hollywood bellezza!

Iscriviti alla newsletter
Tags:
ambienteattivistiultima generazione





in evidenza
"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"

Patrizia Groppelli a cuore aperto su Daniela e tradimenti

"Io cornificata 2 volte, da Kunz e Santanchè. Sallusti con il suo amore mi ha salvato"


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico


motori
Toyota lancia il nuovo PROACE Electric e PROACE CITY Electric

Toyota lancia il nuovo PROACE Electric e PROACE CITY Electric

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.