A- A+
Politica
Buonanno (Lega) ad Affaritaliani.it: se a casa della Kyenge qualcuno si ammalasse di tubercolosi o di scabbia?


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


Gianluca Buonanno, europarlamentare della Lega Nord, intervistato da Affaritaliani.it, risponde a Cecile Kyenge, che ha chiesto una legge per mettere al bando il Carroccio, "partito rzzista". "Se valesse quello che dice la signora in Italia ci sarebbero milioni e milioni di razzisti, ma il vero razzista è chi come lei fa la buonista e poi non ci sono i soldi e le possibilità per fare quello che dice. Insomma, la vera razzista è lei". E ancora: "La Kyenge insulta milioni di italiani e le consiglirei di andare a dispensare consigli in Congo, dove ce n'è tanto bisogno. Se a casa della Kyenge qualcuno si ammalasse di tubercolosi o di scabbia userebbe parole diverse. Ma questa è la sinistra che vive nel suo mondo fatto di tartine al salmone e di salotti con la puzza sotto il naso. Non si accorge che è solo un burattino. Tutti sanno che ha fatto il ministro solo perché è di colore e non certo per le sue capacità politiche. Bisognerebbe vietare la Kyenge per legge, visto le cavolate che spara".

Tags:
buonannolegakyenge
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Renault Arkana e-tech 145, la nouvelle vague diventa ibrida

Renault Arkana e-tech 145, la nouvelle vague diventa ibrida


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.