A- A+
Politica
"Vado io a Tripoli". Lo annuncia ad Affaritaliani Gianluca Buonanno


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


"Nella mia veste ufficiale di europarlamentare chiedo un incontro con Abdullah al Thani, il premier del governo libico riconosciuto dalla comunità internazionale". Lo annuncia ad Affaritaliani.it il deputato europeo della Lega Nord Gianluca Buonanno. "Voglio andare a Tripoli per capire com'è davvero la situazione degli sbarchi di clandestini in Italia e il pericolo che arriva dai terroristi dell'Isis. E quindi voglio parlare con chi in qualche modo rappresenta il potere in Libia. Vado io, perché in Italia non c'è uno straccio di ministro che ha il coraggio di farlo. Sono tutti cagasotto, dalla Mogherini che dovrebbe rappresentare l'Europa, al premier Renzi, ai ministri Pinotti e Gentiloni. Non chiedo nessuna protezione all'Italia, non mi interessa. Vado con le mie forze. Sto studiando il modo migliore per farlo: potrebbe essere passando per Tunisi oppure anche andando a Lampedusa e sperando di trovare qualcuno che mi porti fino alla coste libiche. Meglio ancora, se fosse possibile, direttamente con un aereo fino a Tripoli".
 

Tags:
buonanno

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti

Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.