A- A+
Politica
Campania, De Luca contro De Magistris: "Un fallito, in quarantena per 20 anni"
(fonte Lapresse)

Campania, De Luca contro De Magistris: "Un fallito, in quarantena per 20 anni"

Vincenzo De Luca approva le misure restrittive adottate dal governo per fronteggiare l'emergenza Coronavirus. "Sono le misure più restrittive che si potessero adottare, - spiega al Corriere della Sera - nell’ambito di una scelta ancora intermedia fatta dal governo. Le alternative praticabili oggi sono due: o chiudere tutto per un mese per frenare il contagio;o prendere misure rigorose, ma ancora parziali. Il governo ha optato per il piano B. È un passo avanti ma non basterà. Io avrei anticipato fortemente alcune decisioni. Ma prendo atto di due novità: la prima, è la scelta di misure generali e nazionali; la seconda, è la predisposizione di misure a sostegno delle attività produttive colpite".

De Luca attacca duramente il sindaco di Napoli De Magistris. "In un momento così serio, - prossegue De Luca al Corriere - mi imbarazza perdere anche un minuto su chi parla di cose di cui non capisce nulla. Rilevo il fatto sconcertante che apra ancora bocca un sedicente sindaco che è l’espressione del più grande disastro amministrativo d’Italia: quasi tremiliardi di euro di debiti, i tributi più alti d’Italia, trasporto pubblico distrutto, manutenzioni zero e parchi devastati".

"Parla uno - prosegue De Luca - che voleva varare la “flotta partenopea”, e stampare una moneta comunale! Parla uno che non ha fatto nulla di nulla per il controllo della movida e il rispetto delle ordinanze. E venerdì sera di fronte a una città devastata dai delinquenti faceva il commentatore televisivo come se fosse a teatro. In qualunque Paese civile al mondo un tale soggetto (copertosi di gloria come magistrato e strafallito come sindaco) dovrebbe essere messo in quarantena per i prossimi 20 anni. Soltanto in Italia possono essere chiamati a fare i commentatori lui e i parcheggiatori abusivi".

La replica del sindaco di Napoli

“Le parole di De Luca sono proiettili istituzionali". Il sindaco di Napoli De Magistris attacca il governatore della Campania De Luca. In un’intervista alla Stampa, dice: “De Luca è in stato confusionale. Si è reso conto della tensione sociale. Ha capito che non puoi fare un annuncio del genere senza prima organizzare le attività di ristoro. Ha scatenato un pandemonio. Ora carica la responsabilità sul governo e sulla città di Napoli, senza averla mai coinvolta in nulla” e “quel messaggio via Facebook mostrando la radiografia dei polmoni di un malato di Covid è stato una specie di proiettile istituzionale sparato sulla fragilità delle persone”.     La verità, secondo De Magistris, è che “De Luca non ci riconosce come istituzione, lo dico con amarezza. Chiama Napoli la città senza sindaco”. 

Commenti
    Tags:
    campaniavincenzo de lucade magistriscoronavirusemergenza coronavirusnapoli coronavirus
    in evidenza
    Carolina, la musa del calcio Regina della serie B in tv

    Stramare, nuova Diletta

    Carolina, la musa del calcio
    Regina della serie B in tv

    i più visti
    in vetrina
    Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

    Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


    casa, immobiliare
    motori
    Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar

    Nissan svela il nuovo veicolo commerciale leggero Townstar


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.