A- A+
Politica
Cassintegrati Pdl, ecco una lettera aperta a Silvio Berlusconi

Caro Presidente,
sono una dei 43 impiegati del Popolo della Libertà che il partito ha deciso di non reintegrare in Forza Italia e di mandare a casa. Ci tengo a segnalarle, nel caso non lo sapesse, che per la maggior parte, contrariamente a quanto pensa l’opinione pubblica che ci associa erroneamente alla casta, siamo persone di mezza età e madri di famiglia (spesso monoreddito con figli a carico, difficoltà economiche e mutui da pagare come tutti). Persone che vivono del proprio stipendio e che per motivi anagrafici dopo un anno di cassa integrazione troveranno enormi difficoltà di ricollocamento sul mercato del lavoro.

Di recente sulla stampa si è parlato di presunte epurazioni a matrice politica ma non è questo il mio caso visto che sono sempre stata forzista convinta fin dalla prima ora e che ho lavorato per un settore attivo del partito fino al mio ultimo giorno. Non voglio entrare qui nel merito dei criteri adottati nella scelta dei dipendenti da salvare e di quelli da licenziare in prima battuta, anche perché finora a precise richieste nessuno ha ritenuto opportuno fornire spiegazioni su quali siano stati i parametri di valutazione. Quello che invece voglio esprimere, con l’amarezza e la forza di chi sempre ha amato il proprio lavoro considerandolo non un mero impiego ma una passione di vita, è l’assoluta indifferenza e superficialità con la quale siamo stati messi alla porta.

Così come i miei colleghi a giugno ho appreso dalla stampa l’avvio della procedura di licenziamento collettivo e tutte le informazioni successive, ultima quella con cui ci è stato imposto di dover lasciare l’ufficio dall’oggi al domani, ci sono arrivata esclusivamente via mail come fulmini a ciel sereno. Personalmente trovo surreale che vengano inviate comunicazioni tanto gravi in questo modo asettico, senza che nessuno abbia ritenuto umanamente e moralmente corretto convocarci almeno per un colloquio.

Essendo persona ragionevole e pacata mi rendo conto dei problemi economici in essere e delle scelte difficili da prendere e non discuto tanto il merito quanto il metodo perché ritenendomi persona perbene.. in tutta coscienza sono convinta che chi ha sempre dato il massimo per il bene del partito, impegnandosi con orgoglio, senso di responsabilità e affetto sincero per la sua persona (come nel mio caso), non meritasse un trattamento simile. La delusione è grande, così come la preoccupazione per il futuro visto che di questi tempi di crisi trovarsi con uno stipendio in meno nel bilancio familiare non è cosa da poco.

Fa male doverlo ammettere…ma da lei che proclamava di non aver mai licenziato nessuno, da lei che ha sempre professato di avere a cuore i diritti dei lavoratori e che ha fatto della lotta alla disoccupazione uno dei suoi cavalli di battaglia, un briciolo di rispetto e umanità per i propri dipendenti buttati per strada senza spiegazioni io me li sarei aspettati. Nei confronti di 43 persone messe letteralmente alla porta con gli scatoloni in mano una parola di commiato, una pacca sulle spalle o una semplice stretta di mano io dopo tanti anni di lavoro l’avrei pretesa. E invece mai una parola di solidarietà è stata spesa nei nostri confronti, privatamente o in pubblico, né da lei, Presidente, né da chi al partito si è assunto la responsabilità di questa scelta di comportamento. Non siamo solo dei semplici numeri da depennare da una lista, ma siamo 43 persone, ognuna con la propria storia, i propri sogni e i propri progetti da realizzare. Siamo 43 persone che per lei hanno dato molto e avrebbero meritato di essere trattate con maggiore sensibilità.

In questi giorni poi leggo che Forza Italia sarebbe al centro di un progetto di rilancio finalizzato a farla tornare protagonista della scena politica a breve. A questo punto, se davvero non c’è nessun tipo di problema, non posso fare a meno di chiedermi…ma come mai anche io invece di essere stata reintegrata in Forza Italia (come la quasi totalità dei miei colleghi) oggi mi trovo cassintegrata?

Superando la timidezza e la riservatezza che mi contraddistinguono, non avendo finora mai ricevuto da lei o da altri nessuna risposta privatamente, mi trovo ora costretta a rivolgerle un appello pubblico per chiederle di spendere apertamente almeno una parola di solidarietà e comprensione per la nostra situazione, in nome del lavoro che sempre abbiamo svolto con correttezza e senso di responsabilità per lei e per il partito.

Una che ci aveva creduto…

Tags:
cassaintegratisilviopdlberlusconi

i più visti

casa, immobiliare
motori
Lancia firma il suo primo monopattino elettrico

Lancia firma il suo primo monopattino elettrico


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.