A- A+
Politica
Salvini può essere picchiato e intimidito perché non sta da una certa parte politica?

Aggressione fisica al leader della Lega Nord Salvini sabato scorso a Bologna da parte di un gruppo di antagonisti.
Aggressione che non ha provocato danni fisici, ma solo materiali (automobile semidistrutta).
La cosa più assurda della vicenda , oltre alla mancanza di democrazia e alla mancanza di valori dettati dalla nostra Costituzione in queste persone (persone è un termine non idoneo per questo genere di uomini) che sono sempre pronti a erigersi suoi difensori solamente "pro-domo sua", e solamente a vantaggio delle loro ideologie. Al contrario, la Costituzione non vale nulla se deve essere applicata o rispettata a favore di uomini o donne che non la pensano come loro.
Libertà di parola, di espressione politica, religiosa, sono valori costituzionali che evidentemente non gli appartengono.
Ma l'aspetto sconcertante della vicenda è la mancanza delle forze dell'ordine completamente assenti.
La Questura sostiene che non c'è stata comunicazione da parte del segretario della Lega riguardo i suoi spostamenti.
Pazzesco.
Viviamo in un Paese dove la scorta viene garantita soprattutto a centinaia di persone che non ne avrebbero la necessità e un esponente di spicco di un partito politico può essere aggredito liberamente e la colpa è solo sua perchè non ha avvertito le forze dell'ordine dei suoi tragitti? E la libertà che deve essere garantita a ogni cittadino?E i milioni spesi in inutili scorte?
L'elenco è lungo , ma alcuni esempi è doveroso farli.
Figlia dell'ex Presidente della Repubblica Scalfaro, il Senatore a vita ed ex Presidente Ciampi e consorte, l'ex primo ministro Amato. Tanto per citarne alcuni.
Ma il nostro è un Paese in cui  alcuni collaboratori di giustizia che hanno testimoniato contro esponenti delle organizzazioni criminal non beneficiano di alcuna protezione e a causa di queste"dimenticanze" alcuni di loro sono stati barbaramente uccisi da coloro che avevano denunciato.
Rinfreschiamo la memoria:Lea Garofalo moglie di boss, figlia e sorella di boss, non voleva accettare la vita delle ndrine. Si ribellò e parlò. Il marito, Carlo Cosco, la fece sequestrare e uccidere. Ma non uccidere e basta: voleva che diventasse niente. La uccisero e la bruciarono. Era senza scorta quando la rapirono.
Volete un altro esempio: Giorgio Ambrosli, viveva senza scorta nonostante l'alto rischio che correva.
Morale della favola: la scorta più che un servizio necessario è uno "status simbol" garantito soprattutto a chi non ne ha bisogno, ma che rappresenta il peggio del nostro Paese.
Nota a margine: Andrea Scanzi ,famoso giornalista del fatto Quotidiano sostiene che Salvini sia un provocatore, che l'aggressione se la sia cercata, che è un razzista, ecc.
Bravo Scanzi, hai dimostrato il tuo alto senso della democrazia e il rispetto dell'avversario politico.
Ritorno al punto di partenza: La Costituzione vale solo per una parte politica, gli avversari possono essere intimiditi, picchiati, aggrediti, perchè sono "uomini di serie B" .
Bravo bel razzista che sei.
Complimenti, ma del resto questi benpensanti che si credono portatori della verità seguono sempre e solo il motto :Predico bene e razzolo male, tanto io sono dalla parte del giusto , "a prescindere" come diceva Totò.
 
Massimo Puricelli

Tags:
salvini
in evidenza
Malocclusione dentale e abitudini Cos’è, come trattarla e conseguenze

Trattamento ortodontico

Malocclusione dentale e abitudini
Cos’è, come trattarla e conseguenze


in vetrina
Grandi Stazioni Retail: nel 2023 nuovi impianti e prodotti per il mercato

Grandi Stazioni Retail: nel 2023 nuovi impianti e prodotti per il mercato


motori
Nissan svela la versione speciale Ariya e-4ORCE Pole to Pole

Nissan svela la versione speciale Ariya e-4ORCE Pole to Pole

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.