A- A+
Politica

Votare in contemporanea per le presidenze di Copasir e Vigilanza Rai e procedere, in un secondo momento, con il voto in Giunta per il Regolamento e le Immunità Parlamentari. I gruppi di maggioranza al Senato, con il Pd in testa, sperano che possa cosi' sbloccarsi un'impasse che dura ormai da tre settimane. Ieri sembrava essere la giornata decisiva, con la Giunta convocata alle 14 per eleggere il suo presidente. Poi un rinvio che sa di colpo di scena, anche per la tempistica, ad appena quattro minuti dall'orario della convocazione e per volonta' dei capigruppo di maggioranza. Il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica "Una questione tutta interna al Pd", la definiscono da piu' parti a cominciare dal Cinque Stelle, Mario Giarrusso, per arrivare a Maurizio Gasparri. I grillini, infatti, hanno annunciato da tempo un provvedimento sulla ineleggibilita' di Berlusconi che, parola del presidente di Commissione Giustizia al Senato, porterebbe il governo dritto alla crisi. I democrat non possono nemmeno nascondersi dietro i numeri, perche' i loro otto senatori uniti ai quattro del M5S costituiscono una larga maggioranza all'interno della Giunta. Se Mario Giarrusso, candidato presidente, non dovesse essere eletto a vantaggio del leghista Volpi, il Pd manifesterebbe al suo interno una nuova spaccatura. Oltre che trovarsi nella non facile condizione di votare, in tempi strettissimi, quanto non ha votato in vent'anni, ovvero da quando il Cavaliere scelse l'impegno politico. Tra i gruppi di maggioranza si pensa, stando a quanto viene riferito, di lasciare la Vigilanza Rai ai Cinque Stelle per ottenere un loro 'ammorbidimento' sulla Giunta. Alla presidenza del Copasir potrebbe cosi' andare un leghista. Lega e Pdl potrebbero, infine, convergere su Dario Stefano di Sel per la presidenza della Giunta. Una ipotesi quest'ultima accolta con una certa ilarita' dai grillini che, nei corridoi di Palazzo Madama, non mancano di sottolineare la mancanza di cultura giuridica dell'esponente di Sel. Un dettaglio per chi vede dietro l'angolo la fine anticipata del governo Letta-Alfano. E' il caso di Nitto Francesco Palma, presidente della Commissione Giustizia, per il quale "se dopo vent'anni, votassero l'ineleggibilita' per Berlusconi, ci sarebbero problemi seri per il governo. Berlusconi e Alfano dovrebbero a quel punto decidere se dare corso a una crisi politica". All'eventualita' che si possa arrivare a votare per il provvedimento non vuole nemmeno pensare Maurizio Gasparri: "Non penso che il Pd si spingera' a tanto, sarebbe un attacco a cui noi ci opporremmo con tutte le forze". Corradino Minneo, senatore Pd, sottolinea come sia "legittima la posizione di Felice Casson" per il quale "la legge e' legge e va applicata". Ma e' pur vero, aggiunge, che e' "singolare che quanto ci si appresta a fare non sia stato fatto nel 1994 o negli anni a seguire". Dubbi che nel Pd avanza anche Matteo Orfini per il quale Berlusconi e' eleggibile visto che "per vent'anni c'e' stata una legge che e' stata interpretata da tutti come tale da consentire la sua eleggibilita'". Si dice ottimista sul fatto che tutto, la prossima settimana, possa risolversi il presidente dei senatori Pdl, Renato Schifani per il quale il lavoro dei prsidente delle due Camere e' volto a favorire una soluzione complessiva della vicenda. Una settimana, comunque, e' gia' tempo prezioso per evitare strappi potenzialmente letali per il governo.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
commissionicinquegrillo
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT

Toyota svela la nuova Yaris GR SPORT


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.