A- A+
Politica

"Ho letto le polemiche seguite alla manifestazione di Renzi a Bari e alla sua rimozione del capitolo Mezzogiorno. Vorrei dire che il problema non riguarda tanto il sindaco di Firenze ma e' piu' serio e antico". Cosi' Gianni Cuperlo, deputato del Pd e candidato alla segreteria del Pd interviene, con un articolo sulla Gazzetta del Mezzogiorno, sul tema del Sud del nostro Paese. "Investe l'Italia tutta, la sua classe dirigente, l'opinione pubblica che conta, i grandi media che per anni il Sud lo hanno rimosso alimentando i luoghi comuni piu' triti, origine a loro volta di una stagione di ostilita'. Negli anni che abbiamo alle spalle la destra il suo mestiere piu' o meno l'ha fatto. La questione meridionale e' divenuta la questione dei meridionali o peggio una questione criminale, come se legalita' e lotta alle mafie non riguardassero da tempo la penisola tutta".

Anche a sinistra "il declino dell'idea di uguaglianza ha fatto scemare, a oltre 150 anni dalla nascita dello Stato, la tensione all'unita' del Paese, unita' economica e sociale, di opportunita' e compimento di se'. Oggi, bisogna dirlo, anche a sinistra abbiamo perso quella consuetudine tanto da faticare - ben prima di Renzi - persino a pronunciare la parola. Forse temendo che dire Sud non creasse consenso. E che queste regioni fossero al massimo un luogo dove il consenso lo si veniva a raccogliere o a barattare. Per tutto questo credo che al centrosinistra tocchi il dovere di una svolta vera, almeno se vuole sfidare la logica del tempo. In questo senso l'immagine di un "Mezzogiorno, palla al piede" non solo e' volgare ma sciocca. Perche' solo a partire dal Mezzogiorno "potremo avviare una ripresa solida dello sviluppo". "Di fronte a una crisi che impatta la vita delle persone, i comportamenti sociali, la demografia, di fronte a una perdita di risorse umane, imprenditoriali, finanziarie, non c'e' piu' tempo. Al Sud - conclude Cuperlo - la sinistra italiana - ma vorrei dire, quella europea - non si gioca un'elezione e tanto meno una campagna congressuale. Qua ci giochiamo - conclude Cuperlo - una missione, la funzione che saremo in grado di assolvere per risanare il tessuto non solo economico e sociale, ma culturale e morale di un'Italia, mai come oggi, da ricostruire".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cuperlomezzogiorno
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


casa, immobiliare
motori
Mercedes-Benz EQB: l’elettrica con la Stella è anche sette posti

Mercedes-Benz EQB: l’elettrica con la Stella è anche sette posti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.