A- A+
Politica
Napoli, de Magistris e la tradizione del fallimento

Di Pietro Mancini

Luigi de Magistris, ieri, è stato sospeso dal prefetto di Napoli, sulla base della legge Severino, dopo la recente condanna, emessa dal tribunale di Roma. Per i presunti reati, addebitati all'ex Sindaco, pagano anche i suoi concittadini, che restano senza la guida politica dell'amministrazione, da loro democraticamente scelta.

Ma i napoletani e gli osservatori, giustamente severi con l'ex magistrato, figlio di un magistrato, non possono dimenticare che de Magistris non è piovuto dal Vesuvio nel municipio di Palazzo San Giacomo. Ma fu eletto, anzi plebiscitato, per le gravi responsabilità dei vecchi e dei nuovi partiti, che non  riuscirono a contrapporgli un candidato forte e credibile.

E, prima dell'attuale giunta, Napoli ha vissuto una delle fasi più drammatiche del dopoguerra : la spazzatura, che aveva invaso le strade e le piazze, un Sindaco, la ex DC donna Rosetta Russo Iervolino, bocciata come inadeguata, che offese gli assessori, definendoli "sfrantummati", colorito termine partenopeo. Alcuni di costoro furono inquisiti e uno, Giorgio Nugnes, del PD, si suicidò, dopo essere stato incriminato, in un'inchiesta sugli appalti comunali, finita, dopo molti anni, con le assoluzioni degli imputati.

E' giusto, quindi, prendere atto del fallimento della esperienza di de Magistris, come Sindaco, registrato dai napoletani ben prima della sua condanna e della sua violenta reazione.
Auspicando che Napoli sia amministrata, finalmente, da persone capaci, stimate e oneste all'altezza di una città tanto bella quanto tormentata.

Tags:
luigi de magistrisnapolirosa russo iervolino
in evidenza
"Esco con Briatore. Ho scoperto che è un uomo interessante"

Barbara D'Urso e la simpatia con...

"Esco con Briatore. Ho scoperto che è un uomo interessante"


in vetrina
Malocclusione dentale: cos’è, quali sono le sue conseguenze e come trattarla

Malocclusione dentale: cos’è, quali sono le sue conseguenze e come trattarla


motori
Stellantis: inizia la produzione di Jeep Avenger nello stabilimento di Tychy

Stellantis: inizia la produzione di Jeep Avenger nello stabilimento di Tychy

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.