A- A+
Politica

I cattolici italiani sembrano pronti ad accogliere l'appello di Papa Francesco per un rinnovato impegno in politica e nella società, con priorità che appaiono vicine alla concretezza dei messaggi del Pontefice: è quanto emerge, fra l'altro, dall'indagine condotta per il settimanale Famiglia Cristiana dall'Istituto Demopolis.

In un frangente politico ed economico particolarmente complesso, il 90% dei cattolici afferma di condividere l'appello di Papa Bergoglio a "lavorare tutti per il bene comune". Le priorità  - secondo i dati di Demopolis - si rivelano "tangibili", quasi obbligate dalle quotidiane urgenze del Paese: tutelare il futuro dei giovani, ritrovare la legalità ed il senso morale in politica, difendere e sostenere la famiglia, rivolgere una maggiore attenzione ai più deboli ed ai segmenti più vulnerabili della società.

Assolutamente centrale, per l'83% dei cattolici intervistati dall'Istituto di ricerche diretto da Pietro Vento, è il tema del futuro delle nuove generazioni; i tre quarti degli intervistati richiamano l'esigenza di un impegno per la legalità ed il senso morale in politica. Il 70% indica la difesa della famiglia, più di sei cattolici su dieci considerano prioritari la solidarietà con i più deboli e l'impegno per un'economia maggiormente al servizio dell'uomo. I temi etici della difesa della vita continuano ad ispirare il profilo valoriale dei cattolici italiani, ma si dimostrano motore di partecipazione sussidiario rispetto all'incalzare di problematiche sociali più "vicine", quotidianamente vissute dalle famiglie.

Demopolis 1



"Le difficoltà delle famiglie in tempi di crisi - afferma il direttore dell'Istituto Demopolis Pietro Vento - incidono significativamente sulle priorità degli intervistati, che si sentono sempre più vicini alle parole ed ai messaggi di Papa Francesco, al suo richiamo ad una solidarietà intergenerazionale. Gli italiani sono colpiti dalla spontaneità e dal linguaggio del Papa, dalla grande vicinanza alla gente, ma anche dalla particolare attenzione mostrata in questi primi mesi verso i più deboli. Pensiamo, ad esempio - conclude Pietro Vento - al viaggio a Lampedusa o all'incontro con i disoccupati in Sardegna".

Tra le urgenze richiamate oggi dai cattolici, netta è la richiesta - secondo i dati della ricerca di Demopolis per Famiglia Cristiana - di politiche di supporto all'occupazione giovanile, di servizi ed aiuti alle famiglie per i bambini, gli anziani, i disabili. L'80% chiede un blocco dei tagli alla sanità ed alle politiche sociali. Assolutamente prioritaria emerge anche la questione morale, soprattutto in politica e nell'amministrazione della cosa pubblica. Il 75% vorrebbe una chiara riduzione del numero dei parlamentari e, più in generale, dei costi della politica.  

Demopolis 2




Nota metodologica: l'indagine Demopolis
L'indagine è stata condotta dall'Istituto Nazionale di Ricerche Demopolis, dall'11 al 15 ottobre 2013, su un campione di 1.240 intervistati, rappresentativo dell'universo dei Cattolici italiani maggiorenni che si recano a messa almeno una o due volte al mese, stratificato in base al genere, alla fascia di età e all'area geografica di residenza. Direzione e coordinamento della ricerca a cura di Pietro Vento, con la collaborazione di Giusy Montalbano e Maria Sabrina Titone. Supervisione della rilevazione demoscopica cati-cawi di Marco E. Tabacchi. Approfondimenti e metodologia completa sul sito www.demopolis.it

 

Tags:
demopolissondaggiocattolici
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Virtuo il noleggio 100% digitale viaggia in Mercedes

Virtuo il noleggio 100% digitale viaggia in Mercedes


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.