@Tommaso5mani

rosa maria di giorgi 500@Tommaso5mani

rosa maria di giorgi 500@Tommaso5mani

rosa maria di giorgi 500
A- A+
Politica

Di Tommaso Cinquemani
 twitter@Tommaso5mani

rosa maria di giorgi 500
"Dobbiamo scongiurare il rischio di rivotare con il Porcellum". Per questo motivo Rosa Maria Di Giorgi, senatrice del Pd vicinissima a Matteo Renzi, ha presentato un disegno di legge per tornare al Mattarellum. Ad Affaritaliani.it spiega: "A molti fa paura che le persone scelgano i propri candidati". E sulla data di 'scadenza' del governo Letta: "Nessuno vuole tornare alle urne in questo momento. Dobbiamo aspettare le elezioni in Germania, in modo che l'Europa apra i cordoni della borsa per investire sui temi della crescita. Questo non potremo farlo se siamo in campagna elettorale". E sulle primarie ha le idee chiare: "Devono essere le più aperte possibile".
 
Senatrice Di Giorgi, lei ha presentato un disegno di legge per ritornare al Mattarellum, la vecchia legge elettorale. Come mai questa iniziativa?
"Ho presentato questo ddl senza alcuna soddisfazione, sarebbe meglio andare oltre l'esistente. Ma per lo meno così elimineremmo il rischio di votare con il Porcellum, per poi mettere mano ad una legge elettorale con più calma. In fondo non sappiamo quanto durerà questo governo".

Nel suo stesso partito però, alcuni vorrebbero solo una modifica della legge elettorale. Come mai?
"Lo so perché alcuni pensano di modificare il Porcellum: la cosa che fa paura è che le persone scelgano i propri candidati. Tragicamente ci può essere una convergenza di opinioni tra coloro che ritengono che siano i partiti a dover selezionare i candidati. Ma io sono convinta che quella legge sia strutturalmente contraria alla Costituzione. E' da superare per quello che rappresenta".

Se si facesse una nuova legge elettorale o si tornasse a quella vecchia, il governo Letta sarebbe a rischio, perché sia il Pd che il Pdl potrebbero pensare di staccare la spina tornando alle urne. Con il Porcellum invece, magari parzialmente modificato, nessuno sarebbe invogliato a tornare ad elezioni. E così?
"Nessuno vuole tornare alle urne in questo momento e credo che sarebbe una iattura per l'Italia. Dobbiamo aspettare le Politiche in Germania, in modo che si sblocchi qualcosa a livello internazionale e che l'Europa possa aprire i cordoni della borsa per investire sulla crescita. Questo non potremo farlo se siamo in campagna elettorale, dove si gioca insanamente a chi la spara più grossa. Inoltre non credo che una modifica della legge elettorale attuale possa in alcun modo 'blindare' il governo. E' il nostro senso di responsabilità che ci deve imporre di mettere l'esecutivo al sicuro, lasciando a Letta la possibilità di lavorare. Anche Renzi la pensa così".

Mercoledì Guglielmo Epifani ha dichiarato di voler separare la carica di segretario da quella di candidato premier. E già si sta parlando delle primarie. Visto che lo scorso autunno si è molto dibattuto sul metodo di partecipazione, secondo lei come dovrebbero essere regolamentate?
"Sono tra quelli che pensano convintamente che le primarie debbano essere il più possibile aperte. Sono contraria ad un partito chiuso, un modello che è ormai tramontato. La dimostrazione ci è stata data al ballottaggio delle scorse primarie, quando molti avrebbero voluto votare e invece sono stati rimandati indietro. Le liste chiuse sono contro il concetto di primarie. Anche nel mio partito alcuni vorrebbero far votare solo quelli che si sono iscritti l'anno scorso. Ecco, posizioni come queste sono totalmente incondivisibili e incomprensibili".
 
Iscriviti alla newsletter
Tags:
primariettarellumlegge elettoraledi giorgi
in evidenza
Ciclone al Sud, sole al Nord Il meteo divide l'Italia in due

Come sarà il weekend

Ciclone al Sud, sole al Nord
Il meteo divide l'Italia in due

i più visti
in vetrina
Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


casa, immobiliare
motori
Mercedes SLK festeggia ad ‘Auto e Moto d’Epoca’ i suoi 25 anni

Mercedes SLK festeggia ad ‘Auto e Moto d’Epoca’ i suoi 25 anni


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.