A- A+
Politica

Di Fabio Massa e Tommaso Cinquemani

berlusconi alfano

Sì al bipolarismo, sì a Berlusconi padre nobile del Pdl, sì alla meritocrazia attraverso le primarie. Sono questi i punti chiave del documento degli alfaniani che Affaritaliani.it ha potuto visionare in anteprima e che pubblichiamo integralmente in esclusiva. L’unità del partito viene sottolineata fin dall’inizio, insieme ad un no secco a possibili ‘exit strategy’ che coinvolgano il centro di Casini e Monti. Ma i governisti vogliono un cambio di passo all’interno del partito: “Riteniamo che le giuste esigenze di democrazia e meritocrazia interna debbano essere soddisfatte senza rinnegare la grande novità del berlusconismo”, recita il documento. Insomma, si chiede a Berlusconi di farsi da parte, ma senza rinnegare il suo passato.

"Noi abbiamo testa, cuore ed entrambi i piedi ben piantati nel centrodestra", si legge nel documento segreto. Un punto fondamentale che esclude qualsiasi possibilità di formare un Partito Popolare Italiano, il progetto a cui in molti nel centro stanno lavorando. Anche uomini ex Pdl, come Mario Mauro e Gabriele Albertini, ma pure il segretario dell'Udc Cesa, più ampi pezzi di Scelta Civica e Futuro e Libertà. Il documento però apre alla destra. "Siamo totalmente lontani dalle sirene del neocentrismo, da sottolineare il valore di una destra che è uscita dalla dimensione minoritaria e ha scelto di condividere fino in fondo un progetto e una sintesi comuni".

LEGGI IL DOCUMENTO INTEGRALE IN FORMATO PDF

Fondamentale è il passaggio sull'azzeramento delle cariche (fortemente voluto dai falchi di Fitto) ma che i governativi respingono con forza perché "è decisiva l'affermazione di un binomio fondato su Silvio Berlusconi e Angelino Alfano". L'azzeramento "ha il solo scopo di provocare una frattura nel nostro movimento".

Gli uomini fedeli al segretario del Pdl ribadiscono il loro sostegno al governo Letta che "nei primi suoi mesi di attività ha realizzato punti importanti del programma del centrodestra". Ma mettono un punto fermo: "Noi non accettiamo lezioni da nessuno nella lotta contro l'uso politico della giustizia". Insomma, i falchi non pensino di poter mettere il cappello sulla riforma della Giustizia e sulla difesa ad oltranza di Berlusconi, è il ragionamento degli alfaniani.

Il documento si conclude con un auspicio e un avvertimento ai falchi: "Noi crediamo che la stabilità e l'azione di governo siano una risorsa da preservare". E aggiungono: "Lo scontro fine a se stesso finirebbe infatti per marginalizzare il centrodestra, a vantaggio della sinistra. E ci renderebbe estranei a quella famiglia popolare che è la casa dei moderati in Europa". Se quindi la nuova Forza Italia alla fine si farà, sarà necessario entrare nel Partito Popolare Europeo.

Tags:
alfanianiberlusconipdlscissione
in evidenza
Gregoraci lascia la casa di Briatore Racconto in lacrime sui social

Costume

Gregoraci lascia la casa di Briatore
Racconto in lacrime sui social

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida

Citroën C5 Aircross hybrid plug-in: amplifica il piacere di guida


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.