A- A+
Politica
monti cane twitter 1

"Io non ho e non avro' niente in comune con questa coalizione di sinistra". Lo ha detto Mario Monti su La 7 a 'L'aria che tira'.

Mario Monti torna a proporre un confronto tv a Berlusconi e Bersani: "IO sono schivo ma esigente - ha detto a Rainews24 - ma sarebbe possibile per tutti noi parlare e fantasticare meno se ci fosse un confronto serrato davanti agli italiani che devono votarci. Sarebbe segno di una democrazia matura" altrimenti si rischia di "involvere verso una democrazia senile e immatura. Spero di no". Un confronto in tv entro venerdi'? "Magari con qualche minuto di preavviso..." ha concluso.

"L'Imu non l'ho inventata io" e se ora si puo' promettere di ridurla e' perche' "se il paziente non e' piu' in emergenza, il medico non insiste con la stessa terapia". Cosi' Mario Monti a Rainews 24.

"Magari ha ragione lui...". Cosi' ironico Mario Monti a Rainews24 commenta le parole di Berlusconi che l'ha definito un 'professorino di economia'. "Magari ha ragione lui - ha proseguito - che sicuramente e' particolarmente autorevole nel mondo per giudicare la qualita' di un economista... L'aspetto gustoso del buco della serratura - ha sottolineato - e' molto carino ma inaccettabile perche' di economia ne ho praticata meno di lui ma vista piu' di lui".

"Noi crediamo nella divisione dei poteri e, a differenza di altri, rispettiamo profondamente la magistratura". Lo ha detto Mario Monti a Rainews24. "E' difficile - ha sottolineato - prendere da parte del governo dei provvedimenti quando i procedimenti della magistratura sono in corso".

"I voti dati a Monti, Fini o Casini sono o dei voti dati alla sinistra, e allora tanto vale votare l'originale, oppure voti semplicemente e dolorosamente sprecati, perche' sottrarrebbero dei numeri al centrodestra che potrebbe anche diventare minoranza, io non ci credo ovviamente, rispetto a una sinistra che da sempre e' minoranza nel nostro Paese". Lo ha ribadito il presidente del Pdl Silvio Berlusconi ai microfoni di Rtl 102.5, durante l'intervista nella trasmissione 'Non Stop News'.

Il governo Monti nemico dell'equita'? "No, non sono le riforme nemico dell'equita', semmai e' la fretta". Cosi' Mario Monti difende a Rainews24 l'operato del suo esecutivo che, ha sottolineato, "ha dovuto agire in una situazione drammatica" e ha dovuto mettere a punto "provvedimenti di 'pronto soccorso' nei quali pero' - ha rivendicato - abbiamo cercato di introdurre elementi di equita'".

Mario Monti rivolge un monito agli elettori a non "bere promesse da quegli stessi che non le hanno mantenute in passato", promesse "millenaristiche che altri fanno". Intervistato da Rainews24, Monti pero' dice di non voler "decorare chi ha fatto la promessa piu' spudorata e insensata" di questa campagna elettorale.

"Se non avremo i numeri sufficienti, staremo all'opposizione". Lo ha ribadito Mario Monti a Rainews 24 pur dicendo di confidare in un "buon risultato" della sua lista. Su possibili accordi con Bersani e Vendola e su chi dovra' 'dirigere il traffico', come aveva detto il segretario del Pd, Monti ha osservato: "Un accordo che comprendesse anche me dovrebbe avere anche il mio consenso..". Detto questo, ha aggiunto,: "non sono interessato adesso al nome di chi dirige il traffico... Noi porteremo in parlamento un bel pezzo della societa' civile. Non lo facciamo per avere un accordo di governo piu' conveniente ma per fare le riforme che il paese aspetta da tempo".

"Il merito, o demerito, della mia decisione di candidarmi credo che lo abbia Alfano". Lo rivela Mario Monti a Rainews24. "Quando Alfano ha pronunciato il suo discorso in Parlamento - ha ricordato il premier uscente - con il quale formalmente non sfiduciava il mio governo ma sostanzialmente si', ho capito di avere il dovere di impegnarmi perche' impedissi, come avviene per le crepes suzette, di rivoltare la storia di un anno di governo".

"Noi abbiamo firmato una Carta d'Intenti con il PD e con quella puntiamo a vincere le elezioni, avendo una maggioranza che ci permetta di governare. Siamo dunque disposti a fare un alleanza pi estesa, o a trovare accordi comuni e ampi anche con altri, ma solo con chi accetta i contenuti di quella Carta. Non altro". Cos¼ Laura Boldrini, capolista Sel alla Camera dei Deputati nelle Marche ( oltre che in Sicilia), ed ex Portavoce dell'Alto Commissariato Onu per i Rifugiati, rispondendo ieri sera ad Ascoli Piceno un militante che gli chiedeva se era possibile che dopo le elezioni Sel potesse allearsi con Monti, insieme a Bersani.

Tags:
elezionimontibersaniberlusconipolitichetv
in evidenza
Berardi ciliegina dello scudetto Leao deve 20 mln allo Sporting

Le mosse del Milan campione

Berardi ciliegina dello scudetto
Leao deve 20 mln allo Sporting

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Al via le consegne di Alfa Romeo Tonale

Al via le consegne di Alfa Romeo Tonale


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.