A- A+
Politica
Berlusconi sotto attacco. I fittiani: "Così in Puglia perdiamo"

Un vero e proprio terremoto sta squassando la Forza Italia pugliese. La scelta di commissariare il partito nominando Luigi Vitali, da parte di Silvio Berlusconi, ha innescato una serie di dimissioni di massa. In una nota congiunta infatti, i coordinatori provinciali e vice-coordinatori regionali di Forza Italia hanno annunciato le loro dimissioni. Tra questi c'è Nicola Ciracì, ormai ex commissario cittadino degli azzurri di Brindisi. Intervistato da Affaritaliani.it, Ciracì non le manda a dire a attacca su tutta la linea la decisione dell'ex Cavaliere: "In piena campagna elettorale, se si commissaria il principale partito del Centrodestra, di fatto si sta azzerando Francesco Schittulli, il candidato presidente che dovrà affrontare una campagna elettorale con un partito dilaniato e commissariato. Nemmeno un bambino avrebbe fatto un errore politico così evidente".

Ciracì non nasconde come l'obiettivo di Berlusconi sia quello di "annientare  ogni forma di dissenso e di dibattito". Il paradosso è che "si commissaria la Regione in cui Fi ha la percentuale di voti maggiore. Si penalizza così la Regione più virtuosa mentre si premiano quelle più in difficoltà. Siamo al di là di ogni logica politica e numerica". Ovviamente la decisione di Berlusconi è figlia dell'opposizione di Fitto e dei fittiani al Patto del Nazareno: "Viene attaccato chi è stato da sempre contro. Così facendo però si apre uno spazio incredibile a Salvini.  Addirittura sento parlare di un'alleanza con l'Udc, qui stiamo parlando del nulla. E' una linea politica ferma al '94 e che non guarda invece al 2024".
 

Ciracì ne approfitta per lanciare un appello a Berlusconi e lo invita a partecipare alla convention organizzata da Raffaele Fitto a Roma, sabato 21 ("Rilanciamo il Tour dei costruttori che partirà sabato 21 con proposte per Forza Italia, il Centro Destra e l' Italia"), "dove ci saranno solo esclusivamente persone che, come me, da venti anni, lo hanno seguito in una traversate nel deserto immensa. Lì ci sarà il suo popolo, che probabilmente  lui non riconosce più. Adesso si fa difendere da fantomatici eserciti che non hanno fatto nulla per lui. Noi - incalza il forzista brindisino - siamo il motore e la storia di Forza Italia. Berlusconi dovrebbe venire sabato e sedersi in prima fila per sostenere le ragioni di Fitto che vuole un partito forte. Purtroppo sta avvenendo tutto il contrario. Invece di mandare via il gruppo dirigente, responsabile del disastro del Nazareno, vengono punite le persone che provano a rilanciare Forza Italia"

Ciracì conclude con una riflessione amara: "Se gli elettori ci hanno portato a una situazione da quota Martinazzoli, vuol dire che si sono accorti che siamo lontani dalla realtà sotto ogni punto di vista".

Daniele Riosa (@DanieleRiosa)

Tags:
fittopugliaberlusconiforza italiaudcsalviniciracì
in evidenza
Ludovica Pagani incanta Cannes Forme mozzafiato e abito Missoni

Il suo look infiamma la Croisette: FOTO

Ludovica Pagani incanta Cannes
Forme mozzafiato e abito Missoni

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Design Week 2022: per la prima volta le creazioni del lighting designer Entler

Scatti d'Affari
Design Week 2022: per la prima volta le creazioni del lighting designer Entler


casa, immobiliare
motori
Peugeot E-Rifter, il multispazio elettrico adatto a differenti esigenze

Peugeot E-Rifter, il multispazio elettrico adatto a differenti esigenze


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.