A- A+
Politica
Finanziamento ai partiti, ok dal Senato. Il decreto passa alla Camera


Il Senato ha approvato il dl sul finanziamento ai partiti con 171 sì, 55 no (Sel, M5s e Gal) ed un astenuto. Ora il provvedimento passa alla Camera, che avrà tempo fino al 26 febbraio per la conversione in legge del decreto prima che esso decada. La riforma passa fra le proteste del Movimento 5 Stelle. "No alla legge truffa", si legge sui cartelloni esposti nell'Aula di palazzo Madama e tolti solo dopo l'intervento dei commessi.

Il decreto legge era stato annunciato lo scorso aprile quando si è insediato il governo guidato da Enrico Letta. Un provvedimento che poi ha dovuto attendere 8 mesi per l'approvazione in Consiglio dei ministri, lo scorso dicembre. Il decreto, che entrerà a "regime" nel 2017, prevede un taglio graduale ai rimborsi elettorali in tre anni del 25 per cento, 50 per cento e 75 per cento dell'importo spettante che ora è fissato a 91 milioni di euro. Il 6 febbraio il testo è stato approvato in commissione Affari costituzionali al Senato con alcune modifiche rispetto al testo licenziato dall'esecutivo: è stata tolta l'esenzione per i partiti al pagamento dell'Imu per le sedi, sono state cancellate le agevolazioni per le scuole e il tetto per le donazioni private è sceso da 300mila a 100mila euro. Tra gli emendamenti discussi ieri, anche la possibilità che la legge "coprisse" i prossimi appuntamenti elettorali delle Regionali e delle Europee. Una norma che è stata stoppata per il voto contrario di Ncd.

Nell'ambito della discussione in Aula, è stata approvata anche la proposta per l'istituzione della cassa integrazione per i dipendenti dei partiti che perdono il posto. Un provvedimento sul quale si era detta contraria, tra le file della maggioranza, Scelta Civica. Nella riforma si prevede, all'articolo 16, che , per la cassa integrazione , è autorizzata la spesa di 15 milioni di euro per l'anno 2014, di 8,5 milioni per il 2015 e di 11,25 milioni l'anno a decorrere dal 2016, cui si provvede con quota parte dei risparmi dell'abolizione del finanziamento pubblico.

Tags:
finanziamentopartiti
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli

Scatti d'Affari
Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli


casa, immobiliare
motori
Volkswagen ID. Buzz e ID. Buzz Cargo: il Bulli del XXI Secolo in chiave green

Volkswagen ID. Buzz e ID. Buzz Cargo: il Bulli del XXI Secolo in chiave green


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.