A- A+
Politica
Fioroni seppellisce il Pd: "Ormai è ridotto a... 100 sfumature di rosso"

Fioroni demolisce il Pd: "Ormai è cento sfumature di rosso"

Non c’è dubbio che il terremoto in casa Terzo polo costituisca una freccia in più nell’arco degli sponsor del bipolarismo, a destra come a sinistra. A cavalcare subito l’onda, naturalmente, è stata Forza Italia, dopo aver accusato il colpo di addii eccellenti quali Gelmini e Carfagna verso il partito di Calenda. Ma, in realtà, un tentativo di serrare i ranghi lo si può leggere anche nelle parole del ministro della Difesa Guido Crosetto (“Non c'è bisogno di un nuovo centro. Fratelli d'Italia deve occupare, dimostrandosi sempre più aperto e inclusivo, anche il centro”, ha detto di recente al Corsera). E che dire del consiglio di Romano Prodi alla nuova inquilina del Nazareno? “Per vincere – ha detto senza giri di parole l’ex premier il 12 aprile scorso ad Avvenire - una coalizione è vitale, i moderati vanno recuperati”.

Posizioni che non preoccupano affatto Beppe Fioroni, l’ex ministro dell’Istruzione che, dopo l’incoronazione di Schlein alle primarie, ha abbandonato il Pd ed è tra i promotori della piattaforma popolare online “Tempi nuovi”. L’ex dem -  con realtà quali ‘Popolari in rete’ (di cui fa parte Giuseppe De Mita), ‘Insieme’ di Stefano Zamagni o il Centro studi Aldo Moro - è impegnato nella costruzione di una rete in grado di riunire, come spiega Fioroni stesso intervistato da Affaritaliani.it, “i popolari che dal ’94 in poi si sono divisi a causa dei meccanismi elettorali e che ora sono delusi da destra e da sinistra”. “Il bipolarismo e in generale le polarizzazioni sono un falso problema. La questione vera è la disaffezione al voto che sta indebolendo la nostra democrazia. Ma quando la gente non si reca alle urne – punge – è perché ritiene poco interessanti e coinvolgenti le proposte politiche”. 

Fioroni non si scompone di fronte alle parole di Prodi o a quelle pronunciata stamani da Luciano Violante (“Il Pd ha dentro di sé i cattolici democratici. Se non ci fossero non sarebbe più il Pd”, ha detto ad Agorà su Rai3): “Tentano di chiudere la stalla quando i buoi sono scappati. Entrambi hanno memoria di ciò che era il Partito democratico quando lo abbiamo fondato come sintesi delle migliori culture politiche. Tuttavia, adesso parlano di una formazione politica che non solo non c’è più, ma non è neppure recuperabile”.  Secondo l’ex responsabile Organizzazione della Margherita, infatti, “con l’elezione di Schlein e l’apertura a movimenti di sinistra radicali c’è stata una mutazione genetica del Pd che si è trasformato nel partito delle 100 sfumature di rosso. Per carità – aggiunge – tutto legittimo. Questo, però, fa sentire estranei i popolari, i cattolici democratici, i liberaldemocratici”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
fioronipd





in evidenza
Il "Gioco dell'oca" diventa leghista C'è la casella Stop utero in affitto

Europee/ L'idea di Lancini

Il "Gioco dell'oca" diventa leghista
C'è la casella Stop utero in affitto


in vetrina
Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove

Meteo, in arrivo un intenso peggioramento. Pioggia e freddo: ecco dove


motori
Vespa World Days 2024: oltre 30mila vespisti convergono a Pontedera

Vespa World Days 2024: oltre 30mila vespisti convergono a Pontedera

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.