A- A+
Politica

Di Francesco Girau per ItaliaFutura

Sui cosiddetti “Forconi” o “Movimento 9 dicembre” abbiamo sentito dire da tutti un po’ di tutto. Ma proviamo ad analizzare questo fenomeno con una certa pragmatica.

E’ indubbio che la situazione sociale ed economica del Paese sia ormai giunta a livelli insostenibili per gran parte dei lavoratori e delle categorie produttive e che i sintomi del malessere iniziassero a manifestarsi a cominciare, per esempio, dalla disaffezione dalla politica. Tant’è, che nel giro di pochi anni la partecipazione al voto è letteralmente crollata mentre è esploso il consenso verso i movimenti che si fanno portatori di un voto di protesta.

Tutto questo ci fa capire quanto il Paese sia in sofferenza e in subbuglio ed era logico, quindi, che prima o poi scoppiasse qualcosa di inevitabile e di incontrollabile. Infatti, abbiamo assistito nell’arco di tre giorni alla mobilitazione in piazza di agricoltori, autotrasportatori, artigiani, commercianti, piccoli imprenditori, disoccupati, studenti, semplici cittadini ecc. Tutti scesi in piazza per manifestare rabbia e indignazione nei confronti di una classe dirigente e politica, responsabile, a sentir loro, di aver portato alla miseria migliaia di incolpevoli famiglie.

Le proteste che in queste ore stanno infiammando il Paese, attenzione, ci devono far capire che non sono mosse dal fuoco dell’ideale politico o da quello della rivendicazione sindacale, ma gli uomini e le donne che oggi provano a farsi sentire sono mossi unicamente da esigenze di primaria necessità quali il cibo o più genericamente la necessità di sopravvivenza.

Inquadrare questo fenomeno attraverso diverse altre letture, per quanto anch’esse presenti nello scenario degli eventi, significherebbe distogliere lo sguardo dal vero problema che muove questo fenomeno, sottovalutarne la portata, alimentando una reazione ancora più esasperata ed estrema, destinata a  montare e a trascinare il malcontento ovunque,  travolgendo tutto e tutti.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
forconi
in evidenza
Hannibal e un maggio bollente Temperature choc fino a 51 gradi

Previsioni meteo

Hannibal e un maggio bollente
Temperature choc fino a 51 gradi

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Ford sottoscrive l'appello all’U.E. per vendere solo veicoli 100% elettrici

Ford sottoscrive l'appello all’U.E. per vendere solo veicoli 100% elettrici


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.