A- A+
Politica

di Antonino D'Anna

papa francesco messa 6

“Il potere è servizio”. È in queste parole, insieme al verbo “custodire” richiamato più volte nella sua omelia, il senso del pontificato di papa Francesco. Un pontificato che promette di dare una svolta alla vita della Chiesa: se il potere è servizio, allora dovranno cambiare logiche e assetti della macchina curiale; se il potere è servizio, il vescovo di Roma (quale egli si sente ed è) è pronto ad ascoltare anche i fratelli vescovi ed esercitare questo servizio con loro; se il potere è servizio, allora questo servizio va oltre la religione cattolica e abbraccia tutto il mondo.

Il Papa sottolinea un concetto: Dio non desidera una casa costruita dall'uomo, ma la fedeltà alla Sua parola e al suo disegno. Dio costruisce con pietre vive. Qui il Papa richiama alla fede ed al Vangelo, senza possibilità di salti nel vuoto e fughe in avanti. È un richiamo alla lotta al relativismo che fu cara al suo predecessore Joseph Ratzinger, come in un altro passaggio quando Francesco parla di lasciarsi guidare dalla volontà di Dio: “Giuseppe è custode perché si lascia guidare dalla volontà di Dio”, dice il Papa. E qui ritorna quanto disse Ratzinger nella sua prima omelia: il mio programma è fare la volontà di Dio. Ma papa Jorge Mario Bergoglio aggiunge una precisazione: Giuseppe, come il Papa, “Sa leggere con realismo gli avvenimenti: è attento a ciò che lo circonda e sa prendere le decisioni più sagge”. Ecco il discernimento, tema tanto caro ai gesuiti, che permette loro di dialogare col mondo. Da questo Papa possiamo aspettarci dei “no” a priori su temi certamente delicati come aborto ed eutanasia (d'altronde nessun Papa potrebbe aprire su questi temi, andrebbe contro la Scrittura e quindi contro la volontà di Dio); ma è lecito attendersi soluzioni lette con realismo e saggezza su temi quali l'omosessualità e il ruolo dei divorziati risposati, per esempio.

Molto bello il tema – peraltro caro anche ai francescani – della custodia del Creato e l'invito rivolto anche ai non cristiani. In questo il Papa manifesta una vicinanza a tutti gli uomini: e nella custodia ecco “i bambini, i vecchi, coloro che sono più fragili e spesso nella periferia del nostro cuore”. Torna il tema della famiglia e appare l'amicizia. Un richiamo a Giovanni Paolo II quando Francesco chiede di non avere paura della tenerezza. Il Papa parla del suo servizio osservando che il Papa per esercitarlo deve entrare “sempre più nel servizio che ha vetice sulla Croce”. Qui può essere letto come un impegno a restare al suo posto fino alla fine (e dunque dando sollievo a chi è rimasto “scottato” dalle dimissioni di Ratzinger), ma attenzione: la custodia è del popolo di Dio e l'accoglienza dell'intera umanità, specie poveri, deboli, piccoli, chi ha fame, sete, è straniero, nudo, ammalato o in carcere. Sono tanti oggi gli stranieri e gli ammalati, spesso di nuove malattie. È su questo che si giocherà il servizio di Francesco. Con un potere che non vuole essere più ostentazione di forza, ma piuttosto nobiltà d'amore. Da Potere a potere: non solo l'abbandono della maiuscola.

Tags:
papafrancescoomeliapotere
in evidenza
Italia ripescata ai mondiali? La sentenza della Christillin (Fifa)

Il caso scottante

Italia ripescata ai mondiali?
La sentenza della Christillin (Fifa)

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
A luglio nei concessionari la nuova Mercedes Classe T

A luglio nei concessionari la nuova Mercedes Classe T


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.