A- A+
Politica

"Non escludo una grande manifestazione contro quella parte della magistratura che per 20 anni ha perseguitato Silvio Berlusconi e i cui obbrobri giudiziari sono culminati con la condanna del presidente da parte della Cassazione". Lo ha dichiarato, a KlausCondicio, Simone Furlan, presidente dell'associazione l'Esercito di Silvio. "I nostri militanti - spiega Furlan - chiedono di dare un segnale chiaro al paese in difesa di Silvio Berlusconi, vittima di complotti e di giudici ideologizzati che vogliono la sua morte politica. Come luogo - annuncia - pensiamo ovviamente di 'occupare' piazza Indipendenza, sede del Csm, l'organo di cosiddetto autocontrollo della magistratura che dovrebbe decidere se sanzionare o meno il giudice Esposito per le sue inaccettabili dichiarazioni contro il nostro amato Silvio".

Tags:
csmfurlan
in evidenza
Berardi ciliegina dello scudetto Leao deve 20 mln allo Sporting

Le mosse del Milan campione

Berardi ciliegina dello scudetto
Leao deve 20 mln allo Sporting

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
FIAT premia lo stile di guida ecosostenibile con la Nuova 500

FIAT premia lo stile di guida ecosostenibile con la Nuova 500


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.