A- A+
Politica


 

Oscar Giannino

"Abbiamo convocato la direzione nazionale domani, per valutare ulteriormente questa vicenda che e' di ostacolo al nostro volo e che e' fonte per me di grande amarezza". Lo ha detto Oscar Giannino, leader di Fare per Fermare il Declino. "Questa grave, cattiva interpretazione delle mie parole ha provocato l'addio di Zingales. Io spero che ci ripensi, anche se le mie scuse finora non hanno sortito effetti. La direzione potrebbe chiedere anche dei passi indietro e, se questa fosse la risoluzione della direzione, io la farei mia", ha aggiunto Giannino. "Non credo che Maroni possa stappare champagne per la Lombardia. Fare per Fermare il declino non si ferma, mi dispiace solo per la soddisfazione di Berlusconi, ma questo e' un doppio autogol come quello di Nicolai che i meno giovani ricorderanno". Lo ha detto Oscar Giannino leader di Fare per Fermare il Declino confermando la sua disponibilita' a dimettersi dal movimento da lui stesso fondato dopo la vicenda del curriculum che riportava il master in economia a Chicago che lo stesso Giannino ha ammesso di non aver mai conseguito.

"Non voglio speculare su questa vicenda, che e' molto triste". Il professore Luigi Zingales cosi' commenta da Chicago, il caso di Oscar Giannino, leader di Fermare il declino, pronto a fare un passo indietro dopo l'affaire del master di studio in Usa, caso sollevato proprio dallo stesso Zingales. "Ho detto tutto quello che dovevo dire e, come ho gia' spiegato chiaramente nella lettera, mi sono dimesso perche' una bugia in tv rompe il legame di fiducia tra rappresentanti politici e cittadini. Percio' non ho voglia di dire altro", spiega

GIANNINO: A CHICAGO SOLO CORSO PRIVATO; FARE VICINO A 4% CAMERA - L'errore piu' grande per Oscar Giannino e' stato quello di non essersi accorto che la vicenda del suo curriculum imperversava sul web ormai da mesi. "Ho scoperto poi che su Wikipedia c'era una discussione in corso da tempo". Un particolare importante anche perche' oggi, in conferenza stampa, il fondatore di Fare per Fermare il Declino ha precisato che a Chicago ha soggiornato e studiato: "ma si trattava di lezioni private, con un insegnante di lingua, per
le quali adesso mi tocchera' recuperare le carte e i pagamenti". In attesa di conoscere la decisione della direzione del partito, convocata per domani, c'e' comunque da continuare nel lavoro per il movimento: "Non abbiamo avuto altre defezioni all'infuori di quella di Luigi Zingales", ha spiegato ancora Giannino.

 "I nostri sostenitori sono spaccati tra preplessi e chi non glie ne importa nulla della vicenda". Un caso che, tuttavia, frenera' con ogni evidenza la crescita esponenziale degli iscritti a Fare per Fermare il Declino: oltre mille al giorno ha quantificato Giannino. Tutto destinato a chiudersi con le sue eventuali dimissioni? "Nemmeno per sogno", risponde, "si va avanti, anche perche' siamo vicini all'obiettivo del 4 per cento alla Camera e dell'otto in alcune regioni che ci consentirebbe di entrare al Senato".

Tags:
gianninovotocandidatura
in evidenza
Fedez e J-Ax, pace fatta "Un regalo per Milano e..."

La riconciliazione

Fedez e J-Ax, pace fatta
"Un regalo per Milano e..."

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Marco Antonini (Citroen) vince il Ceo For Life Award Italia

Marco Antonini (Citroen) vince il Ceo For Life Award Italia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.