A- A+
Politica
Giustizia, i punti dell'intesa: improcedibilità, reati gravi, ergastolo e...
Crediti Photo Nick Zonna
 

Entrata in vigore graduale delle nuove norme, per permettere agli uffici giudiziari di mettere a punto adeguate misure organizzative, anche grazie all'immissione di nuovo personale (oltre 20mila unita'). E' quanto prevede l'intesa raggiunta in Cdm sul meccanismo di prescrizione e improcedibilita' inserito nella riforma del processo penale. L'accordo prevede norme transitorie fino al 2024 e un regime speciale per i reati di mafia, terrorismo, droga e violenza sessuale.

Questi, in sintesi, i dettagli dell'intesa raggiunta:

IMPROCEDIBILITA'

La riforma riguarda solo i reati commessi dopo il primo gennaio 2020, entra in vigore dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della legge, ed entra in vigore gradualmente, per consentire agli uffici giudiziari di organizzarsi, anche tenendo conto dell'arrivo dei 16.500 assistenti dei magistrati, previsti dall'ufficio del processo, e dei circa 5mila per il personale amministrativo.

LA NORMA TRANSITORIA FINO AL 2024

In un primo periodo i termini saranno piu' lunghi. Per i primi 3 anni, entro il 31 dicembre 2024, i termini saranno piu' lunghi per tutti i processi (3 anni in appello, un anno e mezzo mesi in Cassazione), con possibilita' di proroga fino a 4 anni in appello (3+1 proroga) e fino a 2 anni in Cassazione (un anno e 6 mesi + 6 mesi di proroga) per tutti i processi in via ordinaria. Ogni proroga deve essere motivata dal giudice con un'ordinanza, sulla base della complessita' del processo, per questioni di fatto e di diritto e per numero delle parti. Contro l'ordinanza di proroga, sara' possibile presentare ricorso in Cassazione. Di norma, e' prevista la possibilita' di prorogare solo una volta il termine di durata massima del processo.

 REGIME SPECIALE PER MAFIA, TERRORISMO, DROGA E VIOLENZA SESSUALE

Solo per alcuni gravi reati - associazione di stampo mafioso, terrorismo, violenza sessuale e associazione criminale finalizzata al traffico di stupefacenti - e' previsto un regime diverso: Per questi reati, non c'e' un limite al numero di proroghe, che vanno pero' sempre motivate dal giudice sulla base della complessita' concreta del processo. Per i reati con aggravante del metodo mafioso, le proroghe sono invece fino al massimo di due (sia in appello che in Cassazione), oltre a quella prevista per tutti i reati.

NO IMPROCEDIBILITA' PER REATI PUNITI CON ERGASTOLO

I reati puniti con l'ergastolo restano esclusi dalla disciplina dell' improcedibilita'. 

 LA NORMA A REGIME DOPO IL 2024

In appello, i processi possono durare fino a 2 anni di base, piu' una proroga di un anno al massimo, mentre in Cassazione un anno di base, piu' una proroga di sei mesi. Resta sempre diverso il 'binario' per i reati di mafia, terrorismo, violenza sessuale e mafiosa, senza limiti di proroghe, ma sempre motivate dal giudice e sempre ricorribili per Cassazione. Binario diverso anche per reati con aggravante mafiosa, con massimo 2 proroghe in appello (ciascuna di un anno e sempre motivata) e massimo 2 proroghe in Cassazione (ciascuna di 6 mesi e sempre motivata).

MONITORAGGIO SU TEMPI PROCESSI E ARRETRATO PENDENTE

Si prevede che un apposito Comitato tecnico scientifico istituito presso il ministero della Giustizia ogni anno riferisca in ordine all'evoluzione dei dati sullo smaltimento dell'arretrato pendente e sui tempi di definizione dei processi. Il Comitato monitora l'andamento dei tempi nelle varie Corti d'appello e riferisce al ministero, per i provvedimenti necessari sul fronte dell'organizzazione e del funzionamento dei servizi. I risultati del monitoraggio saranno trasmessi al Csm, per le valutazioni di competenza.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    giustiziaaccordom5slegadraghi
    in evidenza
    CR7-Manchester, divorzio vicino Georgina mostra il pancione

    Le foto

    CR7-Manchester, divorzio vicino
    Georgina mostra il pancione

    i più visti
    in vetrina
    Rihanna sensuale: body rosso in vista di San Valentino per la felicità di...

    Rihanna sensuale: body rosso in vista di San Valentino per la felicità di...


    casa, immobiliare
    motori
    Volkswagen e Bosch insieme per industrializzare la produzione delle batteria

    Volkswagen e Bosch insieme per industrializzare la produzione delle batteria


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.