A- A+
Politica
Nordio cede sulla riforma Cartabia: pm, non servirà la querela. Fi non ci sta

Nordio cede al pressing e alle polemiche: ritocchi alla riforma Cartabia

Riconsiderare alcune scelte, quali quella di rendere procedibili a querela reati contro il patrimonio in contesti mafiosi. Con l'obiettivo di agire d'ufficio. E' il lavoro che il ministero della Giustizia, guidato da Carlo Nordio, ha intrapreso per studiare ed elaborare "interventi urgenti" anche di carattere normativo, dopo la segnalazione di "criticità" emerse dall'applicazione della recente riforma Cartabia. "Sono in corso - rende noto via Arenula - le valutazioni necessarie a riconsiderare alcune scelte di rendere procedibili a querela reati contro il patrimonio in contesti mafiosi e altre ipotesi di reato che, per il contesto in cui maturano, rendono indispensabili provvedimenti cautelari di urgenza".

Un punto, questo, sul quale nelle ultime settimane si è concentrato il dibattito in materia di giustizia. In particolare, nei giorni scorsi, nell'ambito di un procedimento in corso a Palermo, la procura ha chiesto e ottenuto l'inefficacia della misura cautelare disposta per lesioni aggravate a tre mafiosi: nessuno ha lasciato il carcere, perché si tratta di detenuti per altri reati, ma la richiesta dei pm è un effetto della riforma sul penale, entrata in vigore - dopo un rinvio di 2 mesi - il 30 dicembre scorso. Per i reati come le lesioni, anche se aggravate dal metodo mafioso, la legge oggi prevede la querela di parte, in assenza della quale non si puo' agire per quel reato. La riforma Cartabia ha ampliato il novero dei reati procedibili solo a querela, che, per diversi profili, esistevano già. 

Il ministero della Giustizia valuta anche interventi per una "più scorrevole" applicazione di norme processuali, come in materia di presentazione dell’appello, per evitare dubbi interpretativo. "Non può essere dimenticato - si puntualizza da via Arenula - che le riforme processuali sono state oggetto di esame da parte della Commissione Europea, e ritenute, allo stato, idonee a garantire all'Italia le risorse indispensabili per la ripartenza, con la conseguenza che ogni loro modifica non potrà non tenere conto di tale determinante percorso": si tratterà quindi di interventi mirati, di correttivi - già previsti entro 2 anni dallo stesso legislatore con l'approvazione della riforma - che non stravolgeranno in ogni caso l'impianto di una riforma 'pilastro' del Pnrr.

C'è comunque qualche discussione. Come riporta il Fatto Quotidiano, Forza Italia in particolare non ci sta. Pierantonio Zanettin, capogruppo di Forza Italia in commissione Giustizia al Senato, parla di "populismo giudiziario". E dichiara a Il Fatto Quotidiano: “L’Europa ha detto chiaramente all’Italia che non si può più andare avanti con processi che durano decenni e carichi giudiziari patologici e ha messo quindi risorse all’interno del Pnrr per velocizzare la giustizia nel nostro paese. La strada intrapresa con la riforma Cartabia è quella della deflazione”. Per questo, aggiunge, non deve essere toccata.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cartabiagiustizianordio





in evidenza
Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”

La conduttrice vs Striscia la Notizia

Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”


in vetrina
Affari in Rete

Affari in Rete


motori
Lamborghini Urus SE: l'icona dei super SUV diventa ibrida

Lamborghini Urus SE: l'icona dei super SUV diventa ibrida

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.