A- A+
Politica

La commissione per i referendum istituita dalla Suprema Corte ha terminato ieri sera il controllo delle sottoscrizioni, presentate in settembre dai Radicali: per nessun quesito e' stato raggiunto il tetto, previsto per legge, delle 500 mila firme necessario per dare il via libera ai referendum. I sei quesiti in materia di giustizia, in particolare, riguardavano la responsabilita' civile per i magistrati, la separazione delle carriere, l'abolizione dei fuori ruolo in magistratura e dell'ergastolo, e lo stop all'abuso di custodia cautelare in carcere. Il quesito piu' votato, che pero' ha raggiunto solo 420 mila sottoscrizioni, e' stato quello sulla responsabilita' civile. Il numero di firme piu' basso si e' registrato invece per il referendum sull'abolizione dell'ergastolo. Le firme erano state depositate alla fine di settembre, quando i Radicali, promotori dell'iniziativa, avevano parlato di 530 mila firme raggiunte, mentre per altri sei referendum, in materia di diritti civili, gia' all'epoca era stato evidente che non fosse stato raggiunto il quorum necessario. La commissione per i referendum si riunira' ancora lunedi' prossimo, quando dovra' valutare cosa fare di altre firme, giunte dalla Calabria, depositate pero' oltre la scadenza dei termini. Queste ultime sottoscrizioni, viene fatto notare a piazza Cavour, proprio perche' presentate oltre termine non sarebbero ammissibili e, comunque, il loro numero appare insufficiente per raggiungere il tetto delle 500 mila.

Tags:
cassazionereferendum
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”

Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.