A- A+
Politica

 

 

berlusconi cieco


Per oltre la metà degli italiani (59%) Silvio Berlusconi è ineleggibile. Ad esserne convinto è quasi la totalità dell’elettorato del Movimento

5 Stelle (92%) e un’ampia fascia di centrosinistra (87%). Opposto il punto di vista degli elettori di centrodestra (10% pensa sia ineleggibile). Per quanto riguarda le intenzioni di voto, in una settimana, il Pdl guadagna quasi mezzo punto (+0,4%) e si conferma primo partito nelle intenzioni di voto con il 27,8 percento dei consensi. Cresce anche il Movimento 5 Stelle (+0,8%), che raggiunge al 22,6% il Pd, in sensibile calo rispetto alla settimana scorsa (-1,4%). Cala drasticamente la fiducia nel governo Letta: scende al 31 percento rispetto al 34 di sette giorni fa. Per quanto riguarda le personalità politiche è sempre Giorgio Napolitano, nonostante i 2 punti in meno di sette giorni fa, la figura in cui gli italiani hanno più fiducia (55%). A seguire Matteo Renzi (54%). Tutti i dati del sondaggio Swg

AGORA’: SWG, PER 59% BERLUSCONI E’ INELEGGIBILE - Per oltre la metà degli italiani (59%) Silvio Berlusconi è ineleggibile. Ad esserne convinto è quasi la totalità dell’elettorato del Movimento 5 Stelle (92%) e un’ampia fascia di centrosinistra (87%). Opposto il punto di vista degli elettori di centrodestra (10% pensa sia ineleggibile). E’ quanto emerge da un sondaggio realizzato dall’Istituto Swg in esclusiva per Agorà, su Rai Tre.
“Il sondaggio può essere letto in due modi  – ha osservato Roberto Weber, presidente Swg – Di fronte a quasi il 60 percento che considera ineleggibile Berlusconi, c'è un 31 percento degli italiani, molto radicato e che corrisponde a 15 milioni di elettori, che giudica legittimo vedere il Cavaliere in Parlamento. Una seconda frattura è nel centrosinistra: tutto l’elettorato di centrosinistra è per l’ineleggibilità di Berlusconi, mentre i partiti che lo rappresentano hanno posizioni diverse sul tema”.

IMU; SWG, PER 47% STOP MERITO DI BERLUSCONI - Per il 47 percento degli italiani la sospensione dell’Imu è merito di Silvio Berlusconi, mentre solo il 19 percento ritiene che l’iniziativa sia da attribuire al premier Letta.  Il 75 percento, però, tra lo stop alla tassa sulla prima casa e scongiurare l’aumento dell’Iva a luglio preferirebbe la seconda opzione. E’ quanto emerge da un sondaggio realizzato dall’Istituto Swg in esclusiva per Agorà, su Rai Tre.

INTENZIONI VOTO; SWG, PDL SALE (+0,4%), M5S RAGGIUNGE PD AL 22,6% - Il Pdl guadagna quasi mezzo punto (+0,4%) e si conferma primo partito nelle intenzioni di voto con il 27,8 percento dei consensi. Cresce anche il Movimento 5 Stelle (+0,8%), che raggiunge al 22,6% il Pd, in sensibile calo rispetto alla settimana scorsa (-1,4%). E’ quanto emerge da un sondaggio realizzato dall’Istituto Swg
Perde quasi un punto  (-0,9%) Scelta civica, che scivola sotto la soglia del 5 percento (4,9%). A pari merito con la formazione di Monti la Lega Nord, che guadagna mezzo punto. Salgono leggermente Sel (+0,1%) e Udc (+0,2%), rispettivamente al 4,8 e al 2 percento. Perde qualcosa, infine, Fratelli d’Italia-Centrodestra nazionale, che si attesta all’1,5 percento.  “La tendenza a crescere del Pdl è sostanziosa e continua – ha osservato Roberto Weber, presidente Swg – così come è reale lo smottamento del Pd. Una quota di elettori democratici si sposta sul Movimento 5 Stelle, la cui ripresa è determinata proprio da questo movimento”.

SWG, CALA AL 31% FIDUCIA NEL GOVERNO LETTA - Cala ancora di 3 punti rispetto alla settimana scorsa la fiducia degli italiani nel governo Letta, che scende al 31 percento. E’ quanto emerge da un sondaggio realizzato dall’Istituto Swg. In meno di un mese il gradimento dell’esecutivo è sceso di 12 punti.
Per quanto riguarda le personalità politiche è sempre Giorgio Napolitano, nonostante i 2 punti in meno di sette giorni fa, la figura in cui gli italiani hanno più fiducia (55%). A seguire Matteo Renzi (54%), in calo di un punto rispetto alla settimana scorsa. In discesa anche il premier Enrico Letta (-2%), che scivola al 44 percento. Va meglio in casa Pdl, dove il segretario Angelino Alfano guadagna 2 punti e sale al 26 percento, mentre il presidente Silvio Berlusconi con un punto in più si attesta al 25 percento. In salita anche Belle Grillo (+2%), che raggiunge il leader del Pdl (25%). Perdono invece 3 punti il governatore della Puglia Nichi Vendola e il senatore a vita Mario Monti, rispettivamente al 22 e 18 percento. Cala di 5 punti, infine, la fiducia nel segretario del Pd Guglielmo Epifani, anche lui al 18 percento.

Tags:
berlusconiineleggibilepdpdlgrillo
in evidenza
Aria fredda polare sull'Italia Fine maggio da... brividi

Meteo previsioni

Aria fredda polare sull'Italia
Fine maggio da... brividi

i più visti
in vetrina
Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede

Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede


casa, immobiliare
motori
BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare

BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.