A- A+
Politica
Governo Lega: sì al governo con il M5S senza Berlusconi. Svolta Lega

Governo, svolta clamorosa. La Lega è pronta a fare un governo con i 5 Stelle senza Forza Italia e senza Fratelli d'Italia. La conferma arriva ad Affaritaliani.it da una fonte ai massimi livelli del Carroccio. Si tratta di un vero e proprio colpo di scena visto che finora Matteo Salvini e tutti i big leghisti avevano sempre affermato, anche dopo il secondo incontro con la presidente del Senato Casellati, che il Centrodestra sarebbe rimasto unito. Invece non è più così. Dopo le parole di fuoco di Berlusconi contro i grillini ('A Mediaset farebbero i fattorini o pulirebbero i cessi' - leggi qui) con Salvini che ha replica 'guarda al Pd è fuori', in Via Bellerio è maturata la decisione di abbandonare l'ex Cavaliere e di cercare di far nascere un esecutivo con i pentastellati. Dopo la pausa di riflessione annunciata da Mattarella e a valle delle elezioni regionali in Molise, che probabilmente segneranno l'avanzata della Lega e l'ennesimo calo di Forza Italia, potrà finalmente nascere il tavolo per il governo Salvini-Di Maio. Per chi sarà il premier si vedrà più avanti, prima partirà il tavolo per stilare il programma, o contratto alla tedesca, comune.

LE PAROLE DI MATTEO SALVINI - Canali ancora aperti con M5S? "Mi sono messaggiato", risponde Matteo Salvini a chi gli chiede se si sia sentito con Luigi Di Maio. Riserbo, pero', quanto ai contenuti degli scambi in chat. "Con i 5stelle ostinatamente e testardamente proverò fino in fondo, per riconoscere il voto degli italiani, a trovare un accordo sui fatti": lo ha detto il segretario della Lega Nord Matteo Salvini al Salone del Mobile.

"Bene, meglio. Siamo la prima forza della maggioranza, non staremo a guardare. Aspettiamo Mattarella e prenderemo in mano la situazione". Cosi' Matteo Salvini ha risposto a chi gli chiedeva della pausa di riflessione da parte del Capo dello Stato per valutare gli esiti dei tentativi per la formazione del nuovo governo. Con chi farete il governo ,se non con il Pd? "Togliete il Pd e vedete cosa resta", ha aggiunto il segretario leghista.

"Io voglio fare un governo che rappresenti quello che gli italiani hanno votato poco tempo fa, e partendo da una coalizione fino a ieri compatta. Se qualcuno se ne tira fuori, insultando e guardando a sinistra, la scelta e' di questo qualcuno". Cosi' Matteo Salvini. "Tutti mi dicono 'fai un governo', il dramma e' che mentre io ero qui a parlare di costruzione gli altri passano il tempo a insultarsi", ha aggiunto il leader della Lega. "Mi spiace se lo fanno i 5 stelle, con cui ostinatamente provero' fino in fondo per riconoscere il voto degli italiani. Mi spiace ancora di piu' se lo fa un alleato che fino a ieri chiedeva compattezza, coerenza e lealta' e oggi - avverte - passa la giornata a insultare milioni di italiani".

Tags:
governo salvini di maio
Loading...
Loading...

i più visti

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Volvo svela la nuova Volvo C40 Recharge: 100% elettrica

Volvo svela la nuova Volvo C40 Recharge: 100% elettrica


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.