A- A+
Politica
enrico letta 1 500

Niente ministri in piazza e in tv, una Commissione per le riforme e il Consiglio dei ministri convocato venerdi' mattina per i provvedimenti sull'Imu e il rifinanziamento degli ammortizzatori sociali. Dopo le tensioni seguite alla manifestazione del Pdl a Brescia, il governo conclude il suo ritiro informale di Sarteano e prova a indicare alcuni punti fermi su cui proseguire il cammino. Il primo, spiega Enrico Letta dopo le polemiche delle ultime ore, e' che "i ministri si occupano solo di governo, con l'impegno a stare fuori dalle vicende politiche e partitiche, a partire dalle amministrative".

Dunque, aggiunge il premier, "la premessa, senza la quale non avrebbe senso il nostro lavoro, e' che il governo e' fatto di persone che cominciano a conoscersi e a lavorare insieme avendo il piu' possibile in comune regole di linguaggio basate su franchezza e lealta' reciproca". Il riferimento alle polemiche sulla giustizia e' evidente e lo stesso Angelino Alfano aggiunge che lo stop ai ministri in piazza e in tv fino alle amministrative "non e' stata materia divisiva ma decisione condivisa e concordata".

Il rischio da evitare, sottolineano il presidente del Consiglio e il suo vicepremier, e' che su temi diversi si possa giocare su piu' tavoli: "Le maggioranze variabili su diversi provvedimenti rendono complicata la vita del governo", dice Letta. E per Alfano le "maggioranze variabili possono avvenire sui temi piu' svariati e con gli esiti piu' imprevedibili".

Quanto al merito, Letta precisa le priorita' sono: piu' lavoro per i giovani, il decreto Imu "in fase di finalizzazione", un pacchetto di "agevolazioni fiscali" per "gli italiani che vogliono fare" e l'avvio di una riforma della politica. "In cento giorni dobbiamo superare il punto di non ritorno delle riforme". E dunque la road map prevede che le riforme istituzionali si muoveranno su due binari: una Convenzione, da istituire con legge costituzionale, e una commissione di esperti guidati dal premier. "Lavoreremo perche' il Parlamento avvii un dibattito dal quale nasca rapidamente, parlo di giorni o massimo settimane, una legge costituzionale che istituisca la Convenzione", ha riferito il presidente del Consiglio. "Secondo, l'idea che il governo suggerira' alle forze politiche dovrebbe essere un organo composto dai componenti dalle commissioni Affari costituzionali di Camera e Senato, i presidenti dovrebbero presiedere questo organismo. Questo organismo lavorera' per fare la riforma costituzionale".

E mentre il ministro per l'Economia, Saccomanni, vola a Bruxelles per partecipare ai lavori dell'Eurogruppo, Letta annuncia per venerdi' mattina la convocazione del Consiglio dei ministri con il decreto per il rifinanziamento della Cig in deroga e la sospensione dell'Imu.

Tags:
lettaministrigovernopartitigiustizia
in evidenza
"Io e Massara senza contratto Poco rispettoso da Elliott..."

Milan, Maldini attacca

"Io e Massara senza contratto
Poco rispettoso da Elliott..."

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Design Week 2022: per la prima volta le creazioni del lighting designer Entler

Scatti d'Affari
Design Week 2022: per la prima volta le creazioni del lighting designer Entler


casa, immobiliare
motori
Peugeot E-Rifter, il multispazio elettrico adatto a differenti esigenze

Peugeot E-Rifter, il multispazio elettrico adatto a differenti esigenze


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.