A- A+
Politica
Governo, nomine? Meloni si "piega" a Quirinale, Ue e Magistratura. Ecco perché


Meglio, quindi, andarci piano ed evitare scossoni, hanno ragionato alla fine Meloni e il numero uno dell'Economia, il pacato e draghiano (più democristiano che leghista) Giancarlo Giorgetti. Ma ci sono altri due "poteri forti" che comandano e che incidono nelle scelte dell'esecutivo. Il primo è certamente l'Unione europea e Meloni sta trattando con il Ppe per cercare di mandare all'opposizione i Socialisti dopo le elezioni europee del 2024 e quindi vuole evitare scossoni anche con Bruxelles.

Avere un buon rapporto con l'Ue serve soprattutto su due fronti: le modifiche al Pnrr e la riforma del Patto Ue, senza dimenticare la questione immigrazione (anche se questo fronte è ormai chiaro che l'Italia dovrà arrangiarsi). E poi c'è la Magistratura, che in Italia non va mai sottovalutata. Le parole "eccessive" in Parlamento del ministro Carlo Nordio sulle intercettazioni sono state immediatamente rintuzzate e corrette dalla maggioranza, perfino, indirettamente, da Palazzo Chigi.

La presidente del Consiglio conferma l'impegno di una riforma organica della Giustizia e di rivedere la contestata e blanda riforma Cartabia, ma senza scontri. Il timore è sempre lo stesso e cioè che in giro per l'Italia possano partire inchieste su politici di Centrodestra che facciano male al consenso nel governo e alla fiducia nella premier.

Insomma, il filo conduttore è sempre lo stesso, ascoltando le fonti di governo e di maggioranza (parlamentari). La conservazione in Italia vince, perché domina da anni. E ha molti alleati: Quirinale, Bruxelles e Magistratura. Meglio quindi procedere a passi piccoli e lenti ed evitare scossoni. Visto che la volontà è quella di governare per cinque anni.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
governo meloni nominenomine europanomine magistrauranomine quirinale





in evidenza
Oscar del Libro 2024, Perrino: "Ho fondato affaritaliani.it perché non sopportavo più le mani della finanza sui giornali"

La kermesse pugliese che apre la stagione "Borgo in Fiore"

Oscar del Libro 2024, Perrino: "Ho fondato affaritaliani.it perché non sopportavo più le mani della finanza sui giornali"


in vetrina
Canalis e Masolin, la strana coppia sul piccolo schermo

Canalis e Masolin, la strana coppia sul piccolo schermo


motori
Bosch lancia il progetto RUMBA: innovazione negli interni dei veicoli autonomi

Bosch lancia il progetto RUMBA: innovazione negli interni dei veicoli autonomi

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.