A- A+
Politica
I centri sociali vanno chiusi. Serbatoi di voti e solo violenza


'Gramna, la mitica imbarcazione dei barbudos di Fidel Castro, Zapata, Belfagor, lo storico Leoncavallo a Milano, il Kollasso di Caserta, Intifada a Empoli, Al Confine di Cesena, Casa Pound' sono alcuni dei nomi inquietanti delle oltre 200 strutture autogestite e in molti casi occupate abusivamente (il numero è di difficile acquisizione), i cosiddetti centri sociali che, solo Matteo Salvini tra i politici, ha il coraggio di promettere di voler chiudere.
Forza Italia, lo stesso PD mettono sempre la sicurezza tra i cavalli di battaglia dei loro programmi, ma nessuno ha però mai affrontato con tale decisione queste realtà dove la legalità è un concetto molto elastico.

FENOMENI DEGLI ANNI 70 PER LA SINISTRA EXTRAPARLAMENTARE

Nati negli anni '70, soprattutto sotto la pressione della sinistra extraparlamentare, sono cresciuti negli anni '80 (anche se in misura minore) con l'avvento di quelli legati alla destra.
In quegli anni centri potevano avere una ragione d'essere. Un voler essere vicini ai giovani, aiutarli a cercare nuovi modi di fare cultura o magari fornire supporto temporaneo a figure deboli della società come prigionieri e rifugiati.

LE VIOLENZE A NAPOLI E BOLOGNA

Ora dopo le molteplici espressioni di violenza, le ultime a Napoli a Fuorigrotta con la devastazione e i feriti (in particolare tra i membri della polizia) e le penultime a Bologna, ci si chiede perché non possano essere sgomberati e soppressi.
Se poi vengono alla mente le parole 'black blocks' o ultras, uniti molto spesso negli episodi di devastazione cittadina, la necessità di una legge per chiuderli e di azioni coerenti a seguire appare abbastanza urgente.
Troppo opaca risulta essere la linea di confine tra legalità e illegalità. Una sorta di impunità invocata in nome di un improbabile concetto di cultura.

L'OCCUPAZIONE ABUSIVA È ANCORA UN REATO

L'occupazione di luoghi pubblici e privati, il metodo piuttosto comune di creazione di un centro sociale, è considerato un reato in quanto atto lesivo  nei confronti dei proprietari.
Ed allora perché da sempre tanta timidezza dalla politica nei confronti dei centri sociali?

CENTRI SOCIALI COME SERBATOI DI VOTI

La prima ragione è facile da comprendere: rappresentano serbatoi di voti sia a favore che contro. E il sindaco De Magistris, che ha sempre appoggiato  quelli della sua Regione, lo sa bene.
Il facile populismo sui temi della cultura libera e della socialità è musica per le orecchie di tanti che, al riparo di tali paraventi, possono sentirsi liberi di occupare e seminare violenza.

'LI CHIUDEREMO 'DICE MATTEO SALVINI

Ecco perché le dichiarazioni del capo della Lega 'appena saremo al Governo li andremo a chiudere' sono forti ma dimostrano finalmente idee chiare (almeno su questo specifico punto) e una mancanza di ipocrisia pelosa.
La maggioranza degli italiani, di fronte ad edifici requisiti, in totale degrado dove si alterna gente di tutti i tipi e dove la polizia ha il divieto di ingresso, non fatica a pensarla in questo modo.

Di centri per migranti, in questo periodo storico, ne abbiamo già a sufficienza, come pure di location per attrarre persone indefinite.

Se alla stragrande parte del paese vengono richiesti comportamenti legali è doveroso domandare  a tutti lo stesso modus operandi.
La cultura, il sociale, la musica o la multiculturalità non possono essere salvacondotti per promuovere l'illegalita'.

Tags:
matteo salvinide magiatriscentri socialiforza italiapd
in evidenza
House of Gucci, guarda il trailer Jared Leto irriconoscibile. FOTO

Lady Gaga guida un cast stellare

House of Gucci, guarda il trailer
Jared Leto irriconoscibile. FOTO

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità


casa, immobiliare
motori
BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green

BMW prosegue lo sviluppo delle auto che restituiscono energia green


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.