A- A+
Politica
I leghisti 'invadono' Roma. Salvini: "Renzi pedina dell'Europa"

"Il problema non è Renzi, perchè lui è una pedina, è il servo sciocco di Bruxelles che vuole controllare la vita nostra ed annientare quel che resta dell'economia italiana". Matteo Salvini attacca a testa bassa il presidente del Consiglio e da Piazza del Popolo piena di leghisti e militanti di Casapound lancia un affondo: "Renzi sta con Marchione, con le banche e con la finanza. Noi stiamo con i piccoli imprenditori che si sognano di ricevere i favori dallo Stato ricevuti da Marchionne".

"L'Europa ci sta preparando al pensiero unico: ogni giorno Renzi e Marchionne si fanno i complimenti, ma l'Italia non sono loro, ma le migliaia di piccoli imprenditori che non ce la fanno, noi siamo con loro, mentre Renzi ha scelto la Fiat e le banche". Poi, ironizza: "Avete visto i dati Istat sulla crescita? E' dello 0,1%: cazzo.... Un successone! Anche lo spread, molto basso. Ma quanto avete pagato in meno il caffe' oggi? Questa e' la finanza che vive sulla Luna, ma ci sono 4 punti percentuali in piu' di disoccupazione". Chi se ne frega della finanza, prima viene il lavoro" E poi una stoccata anche al ministro dell'Interno: "Il problema non e' Renzi ne' tantomeno lo e' Alfano. Alfano e' il problema di se stesso".

Mi impegno a cancellare legge Fornero
"Mi impegno a cancellare la legge Fornero e vaffa... alla Fornero". ha detto ancora Salvini. "Per il momento il mio problema non sono le alleanze, non me lo pongo. Ora provo ad allearmi con 60 milioni di italiani che magari non vanno piu' a votare" ha aggiunto, "Cosa fara' Forza Italia? Vedremo, vedremo se staranno all'opposizione o nella maggioranza. Non metto becco nei partiti altrui. Non sono io a porre veti ed a dare lezioni, vedremo cosa decideranno fare e cosa faremo".

Salvini dal palco di piazza del Popolo, precisa che non bisogna ragionare con lo schema della "vecchia politica" che prevedeva di "mettere insieme quattro-cinque partiti, anche se non c'entravano niente l'uno con l'altro, si vince e poi si litiga il giorno dopo. Ci abbiamo gia' provato. Non mi interessa". A Salvini interessa invece "vincere anche se con solo uno o due partiti, ma l'importante e' che il giorno dopo il progetto lo realizzo".

"Cambiare si puo'", ripete per tre volte, "Ce la facciamo, tutti insieme prendiamo il 51% e Renzi va a lavorare, magari per l'azienda di famiglia a cui qualcuno ha pagato i contributi. Vinciamo e Boschi va a lavorare, magari nella banca di cui il padre e' vicepresidente e che qualcuno ha tentato di aiutare". Infine, Salvini ringrazia Roma, "non mi sarei mai aspettato una accoglienza cosi'".

Tags:
leghistiinvadonoromasalvinirenzi
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo: Giulia e Stelvio Web Edition, pensate per l’e-commerce

Alfa Romeo: Giulia e Stelvio Web Edition, pensate per l’e-commerce


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.