A- A+
Politica

"Non sapevo dell'Ici non pagata, come qualunque cittadino, se ci sono state irregolariata', paghero' con gli interessi. Non mi sono mai occupata personalmente della gestione di queste cose. Nella mia vita ho passato tre settimane al mese in canoa, dodici mesi l'anno". Letta "mi ha rinnovato la sua fiducia, mi ha fatto molto piacere. Non mi ha chiesto di rinunciare al mandato". Cosi' il Ministro per le Pari Opportunita' e lo Sport, la campionessa olimpionica Josefa Idem, in una intervista alla Repubblica, spiega la sua versione dei fatti sulla vicenda dell'Ici non pagata su una casa.

"L'accusa di aver violato una legge alimenta il triste ritornello: vedi sono tutti uguali. Anche perche' e' piu' forte la tentazione di sporcare un lenzuolo pulito. Ed e' per questo che non mi dimetto. Ho sempre vissuto lontano dal lusso - afferma il Ministro - solo di quello che ho guadagnato , e' il caso di dirlo, con il sudore e con tanta fatica. Sono dunque consapevole che l'accusa di aver violato una legge, in questo caso di non aver pagato una tassa, e' per una persona come me pesantissima".

Entrando nel governo, ha detto ancora Josefa Idem, "ci ho rimesso sul piano della vita privata e sul piano economico. Ma faccio un lavoro bellissimo e penso che ne valga la pena: di combattere contro la marginalita' e la precarieta' dello sport, di dare dignita' agli atleti, di spiegare che lo sport giovanile e' cultura e di fare in modo che entri nelle scuole, di combattere contro i pregiudizi verso le donne picchiate e uccise ogni giorno, verso chi e' piu' debole e non vede riconosciuti i suoi diritti. Questo e' quello che sono venuta a fare e vorrei provare. Se poi il gioco al massacro abituale tutto intorno a noi, prevede che sia questo il mio turno di essere fatta a pezzi, io dico: la poltrona non mi interessa, mi interessa il progetto per cui sono stata chiamata. Se posso arrivare al traguardo ci provo, come sempre, con le mie sole forze. Ma non si muore in gara - ha concluso - si combatte fino a che e' sensato farlo".

Maroni - "Mi sembra veramente incredibile che, come e' successo, uno predica bene e razzola male, poi si cade sulla buccia di banana. Se questa cosa fosse successa in Germania, la ministra sarebbe gia' stata licenziata, siamo in Italia e quindi serve una 'spintarella', una mozione di sfiducia". Cosi' Roberto Maroni ha commentato il caso dell'abitazione del ministro dello Sport, Josefa Idem, su cui la Lega Nord ha annunciato una mozione di sfiducia alla Camera. "Se davvero si e' comportata cosi', non puo' fare il ministro", ha continuato il segretario federale del Carroccio, a margine di un'iniziativa a Palazzo Lombardia.

Tags:
idemimutassadimissioni
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli

Scatti d'Affari
Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli


casa, immobiliare
motori
Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.