A- A+
Politica
Il bonus da 80 euro? Anche per le neomamme "ricche". Il commento

di Massimo Puricelli

Venghino, venghino signori, al circo di Renzi non manca proprio nulla.

Ottanta euro alle neo mamme da gennaio 2015 per i primi tre anni di maternità.

La campagna acquisti del Premier nei confronti dell'elettorato italiano continua.

Ovviamente di quella parte di elettorato che non vive sotto i livelli di povertà , di chi è disoccupato, o di chi ha una malattia cronica o grave, ecc.

Quel genere di Italiani sono categorie da "nascondere" che non hanno cittadinanza per il Presidente del Consiglio che precarizza ancora di più quel poco di lavoro che c'è, che non fa nulla per i disoccupati senza reddito.

E sì, perchè il nuovo "bonus" viene elargito a piene mani anche alle mamme che hanno redditi elevati e che conoscono a mala pena il costo dei pannolini e dei biberon perchè è un esborso che non incide nel loro lauto budget familiare.

Il premier , probabilmente non conosce bene i principi della Costituzione, in particolare l'articolo 53 che recita:"Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche (1)in ragione della loro capacità contributiva (2).
Il sistema tributario è informato a criteri di progressività".

Probabilmente per il Presidente Renzi i cittadini elettori sono "diversi" solamente in ragione del voto che esprimono o che potrebbero esprimere, io la definirei la loro "capacità elettiva" o meglio la loro "indicazione elettorale".

Bene, ormai conosciamo esattamente il dogma politico a cui si ispira il benamato e promittente Renzi: Campagna acquisti continua e ininterrotta di fasce di popolazione dedite a dargli sempre il loro consenso elettorale.

Poi se questa campagna acquisti comporta tagli lineari e la totale mancanza di un piano vero e efficace per far ripartire l'economia affiancandoci dai criteri scellerati imposti dalla Commissione Europea, e incentivare nuove assunzioni con provvedimenti diretti a incidere e abbattere il lavoro nero, sotto pagato, per esempio tassando e controllando le centinaia di cooperative dove il lavoratore è assimilato ad uno schiavo, o ad abolire la Legge Fornero che non permette un ricambio generazionale, la crisi che attanaglia il nostro Paese non sarà certo superata contribuendo al necesssaire per i neo bebè anche a persone come Laura Chiatti che diventerà mamma nel 2015. Chissà forse la famosa attrice con quel bonus potrà pensare di dare una sorellina o un fratellino al neonascituro e così tutti i nostri problemi , cari connazionali, saranno risolti.

Evviva Renzi, evviva il nostro salvatore della Patria , evviva , evviva.

Basta essere depressi , basta preoccuparsi del futuro, basta lagnarsi se si è disoccupati o se non si riesce a sbarcare il lunario, basta, essere lagnosi.

Adesso abbiamo un futuro roseo o azzurro a seconda del sesso dei tanti neo bambini che nasceranno grazie al contributo di 80 euro dello straordinario Renzi.

Tags:
bonusbebe
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli

Scatti d'Affari
Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli


casa, immobiliare
motori
40 Bran sfilano alla seconda edizione del Milano Monza Motor Show 2022

40 Bran sfilano alla seconda edizione del Milano Monza Motor Show 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.