A- A+
Politica

Di Pietro Mancini

Giorgio Napolitano, che è anche il Presidente del Consiglio superiore della magistratura, non può cancellare la condanna definitiva di Silvio Berlusconi. E non concederà la grazia, almeno nei prossimi mesi, al Cav.anche perchè, sinora, non gli è pervenuta alcuna domanda. Possibilismo sul futuro, che potrebbe sfociare in un atto di clemenza, qualora Silvio dichiarasse di accettare la sentenza. Che è un atto diverso rispetto all'esecuzione della pena. Lo ha spiegato, ieri, il Presidente, in una lunga, calibrata e dettagliata nota, nella quale ha invitato le forze politiche a confrontarsi, serenamente, evitando tensioni e scongiurando il rischio di elezioni anticipate, senza aver prima cambiato il "Porcellum " di Calderoli. Conosceremo presto le reazioni, in primis quelle di Berlusconi e dei suoi collaboratori. Prevarranno i falchi o le colombe ? Il Capo dello Stato, distinguendosi da Epifani, ha evidenziato, tra le righe, che la stabilita del governo Letta-Alfano e i problemi del Paese sono molto più urgenti rispetto all'espulsione dalla scena politica di un leader, il Presidente del Pdl, votato da milioni di elettori.

Dal Quirinale, tuttavia, non è venuto il richiamo, atteso dal centrodestra, a rispettare le scelte dei cittadini e sulle garanzie per i parlamentari, previste dalla Costituzione, ma non più protette dall'immunità, abolita nel 1993, durante la bufera di Mani Pulite. Napolitano ha solo tranquillizzato Berlusconi, escludendo la sua detenzione in carcere. E ha manifestato comprensione per il "turbamento" del leader e del suo partito all'indomani della stangata. La cacciata dell'ex premier, peraltro, avverrebbe in conseguenza di una sentenza della Cassazione, che è stata pronunciata da un collegio, il cui Presidente, Esposito, è sotto indagine del CSM e oggetto di un' ispezione ministeriale per aver anticipato, in un'intervista, in dialetto napoletano, i contenuti della decisione. Su tali aspetti, il Colle ha glissato, pur riconoscendo piena legittimità alle critiche ai provvedimenti giudiziari. Intanto, Marina Berlusconi ha detto, per l'ennesima volta, che non salirà in politica, per guidare la coalizione di centrodestra. La figlia del Cav.resterà attestata- ci si chiede negli ambienti politici-sul "niet" anche qualora Napolitano, entro il 2013, dovesse sciogliere le Camere ? E il padre e i suoi principali collaboratori insistessero con l'attuale Presidente di Mondadori, convinti che sarebbe molto importante, per il Pdl e per la coalizione, che gli elettori, sulle schede elettorali, trovassero, come avviene dal 1994, il cognome Berlusconi?

Tags:
napolitanomancini

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti

Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.