A- A+
Politica
Il commento/ Intrighi sul Colle? Tanti, ma sempre insabbiati

"I mali, che affliggono l'Italia, non dipendono dalla Costituzione del 1948, ma dagli intrighi di potere, dai tentativi golpisti, dallo stragismo impunito, dalle associazioni criminali, coperte da oscure complicità, dalla corruzione dilagante, dallo spreco selvaggio e dall'appropriazioni delle istituzioni da parte degli apparati di alcuni partiti". Parole ben più pesanti, quelle pronunciate nel 1991 dall'allora Presidente della Consulta, Ettore Gallo, della denuncia di Friedman dell' "italian job", andato in scena 3 anni fa nel fatiscente teatrino politico romano.

Un dirigente socialista, nell'era pre-Craxi, Giacomo Mancini, promosse una dura campagna,  in polemica con l'inquilino del Colle dell'epoca, Giuseppe Saragat, e contro le trame delle "greche e degli ermellini".

Nessuno intervenne e quel caparbio parlamentare fu emarginato.

Ancora prima, Pietro Nenni alluse al "tintinnar di sciabole", in occasione del presunto mini-golpe del generale De Lorenzo, poi deputato del MSI, quando Capo dello Stato era il dc di destra, Antonio Segni, colpito da un ictus nel tempestoso luglio del 1964.

E, come oggi non ci si può non interrogare sulla consapevolezza, o meno, dei direttori dei 2 giornali italiani più diffusi sugli sviluppi del progetto Napolitano-Monti, la storia ci racconta di disegni torbidi, se non ispirati, certo mai stroncati da tanti primi cittadini della Repubblica. Tra i quali, il DC Giovanni Gronchi fu eletto grazie ai fondi neri dell'Eni, stanziati da Enrico Mattei, mentre per Leone la DC chiese e ottenne i voti del Msi di Almirante.

Sono, certo, molto preoccupanti il più recente intrigo sul Colle e l'affaire Napolitano-Mancino. Ma io sono ancora più turbato dal fatto che di tali intrighi venissero informati non i cittadini e neppure i parlamentari. Ma  banchieri, grandi imprenditori, editori di influenti giornaloni.

Speriamo che forze nuove e non compromesse, come il M5S, si impegnino per diradare sterili polveroni e inutili beghe tra i vecchi partiti. E contribuiscano, almeno, a tentare di fare, finalmente, un'inchiesta, seria, sui tanti misteri d'Italia e sulle responsabilità, politiche e istituzionali.
Oltre che della rottamazione dei vecchi notabili, si avverte, nel Paese, l'esigenza di un salutare bagno di verità e di effettiva democrazia.

Pietro Mancini

Iscriviti alla newsletter
Tags:
napolitano
in evidenza
Juventus, è fatta per Vlahovic Alla Fiorentina 75 mln. E Morata...

Calciomercato

Juventus, è fatta per Vlahovic
Alla Fiorentina 75 mln. E Morata...

i più visti
in vetrina
Bargiggia vs Criscitiello: "Un mix imbarazzante, Er Faina e cosce"

Bargiggia vs Criscitiello: "Un mix imbarazzante, Er Faina e cosce"


casa, immobiliare
motori
Renault si aggiudica due premi al Festival Automobile International

Renault si aggiudica due premi al Festival Automobile International


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.