A- A+
Politica

Se dicessimo a chiunque incontriamo per strada: "Guardi che oggi non è Natale", saremmo considerati pronti per il Trattamento Psichiatrico Obbligatorio. Ma sarebbe diverso se, poniamo un 9 agosto, tutti quelli che ci incontrano ci dicessero sorridenti: "Oggi è Natale, nevvero?". In questo caso non saremmo colpevoli di essere costretti a ripetere instancabilmente: "No, sono dolente, non è Natale".

Qualcosa di analogo avviene in materia elettorale. Apriamo un giornale, vediamo la televisione, ascoltiamo una Rassegna Stampa e ci sentiamo ripetere continuamente che è indispensabile, indifferibile e improcrastinabile cambiare l'attuale legge attuale. E siamo costretti a ripetere per l'ennesima volta che non siamo a Natale, che quell'affermazione è sciocca e temeraria.

Per essere rassicurati sulla nostra salute mentale sarà bene rivedere i motivi per cui crediamo più alla realtà che agli slogan. Una nuova legge elettorale, per essere preferita all'attuale, deve incontrare l'approvazione dei più importanti partiti. Poiché però ognuno di loro vorrebbe modificarla a proprio vantaggio e a svantaggio degli altri, in tanti anni non si è arrivati ad un accordo. Dunque è inutile presentare quella modifica come qualcosa di facile, qualcosa che si può fare e si deve fare in quattro e quattr'otto per essere in grado di andare a votare dopodomani. Se si vuol fare una riforma condivisa può anche darsi che, pur dandosi mesi e mesi di tempo, non ci si riesca.

Se la legge avesse un solo, grandissimo difetto, identificato da tutti come tale, i partiti almeno si sarebbero potuti mettere d'accordo sulla sua eliminazione. Ma così non è stato. Dunque la legge non ha un solo grande difetto riconosciuto come tale da tutti, ne ha molti, sulla cui identificazione a quanto pare non tutti sono d'accordo. Ché anzi i difetti degli uni possono essere i pregi degli altri.

Si dà ad intendere che la legge elettorale è cattiva e andrebbe sostituita con una buona (senza mai specificare quale): ma è fumo negli occhi. Nessuna legge elettorale è "buona". Sono tutte compromessi fra governabilità e rappresentatività. E migliorando una di queste due esigenze si peggiora l'altra.
Si dice che il Porcellum provoca l'ingovernabilità e non è vero. Se un partito avesse il 40% dei voti, e si alleasse con un partito che ha avuto il 15% dei voti, anche al Senato si avrebbe una solida maggioranza del 55%. Non è la legge che provoca l'equilibrio al Senato, oggi o al tempo del governo Prodi, è il voto degli elettori.

Se poi si volesse - così come stabiliva l'originario progetto della legge Calderoli prima delle modifiche imposte dal Presidente Ciampi - che anche al Senato il partito più votato abbia il 55% dei seggi, basterebbe modificare la Costituzione in questo senso. Ma proprio questo abnorme premio di maggioranza (oggi applicato su base nazionale solo alla Camera, a beneficio del Pd) si rimprovera alla legge attuale. Si dice che esso è antidemocratico e per nulla rappresentativo della geografia politica del Paese. E allora, forte premio di maggioranza sì o no? Abolirlo alla Camera o introdurlo al Senato? Una cosa è sicura, salvo che si attribuisca un premio di maggioranza generalizzato, eccessivo e brutale, nessuna legge elettorale può assicurare la governabilità: se i due principali partiti prendono più o meno gli stessi voti, si ha l'instabilità e la fragilità dell'ultimo governo Prodi. Se i partiti che prendono più o meno gli stessi voti sono tre, è anche peggio: si ha la situazione attuale. La governabilità si ha solo se l'elettorato dà ad una coalizione un confortevole margine di voti.

La legge attuale è cattiva ma anche le altre lo sono. E lo sarà anche quella che dovesse risultare dalla riforma. Non si dimentichi che si parla di tornare al Mattarellum, che a suo tempo fu modificato perché "cattivo". In realtà ognuno giudica buona la legge che gli conviene e cattiva quella che non gli conviene. Quella attuale ha solo un difetto particolare: è formulata in modo da favorire la governabilità alla Camera e la rappresentatività al Senato. E poiché una qualunque legge in Italia deve essere approvata da ambedue i rami del Parlamento, prevale l'ingovernabilità. Che però sarebbe stata evitata non da una diversa legge ma da una diversa volontà degli elettori. Dunque si può anche andare a votare con il Porcellum come con qualunque altra legge. Tanto, l'Italia sembra avere la vocazione dell'ingovernabilità.

Non è necessario essere specialisti di diritto costituzionale per riflettere su queste tesi. Coloro che ci parlano con tanto sussiego della bruciante urgenza di cambiare la legge elettorale perché non spiegano in concreto che cosa vogliono fare? Oppure il loro livello politologico è lo stesso di chi scrivesse sui muri "Abbasso il Porcellum"?

Gianni Pardo, pardonuovo.myblog.it
 

Tags:
porcellum
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo: Giulia e Stelvio Web Edition, pensate per l’e-commerce

Alfa Romeo: Giulia e Stelvio Web Edition, pensate per l’e-commerce


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.