@Tommaso5mani

rosa maria di giorgi 500@Tommaso5mani

rosa maria di giorgi 500@Tommaso5mani

rosa maria di giorgi 500
A- A+
Politica

Di Tommaso Cinquemani
 twitter@Tommaso5mani

rosa maria di giorgi 500
"Il Pd ha una struttura troppo grossa che non è più sostenibile, deve tornare a vivere delle donazioni dei cittadini". Rosa Maria Di Giorgi, senatrice del Pd vicinissima a Matteo Renzi, con una intervista ad Affaritaliani.it, spiega perché ha presentato un dl per l'abolizione del finanziamento pubblico ai partiti. E sullo stallo del governo: "Si deve trovare un accordo con coloro che vogliono dare un esecutivo al Paese. Serve un accordo di responsabilità sulla base dei punti dei saggi". E sul futuro di Renzi: "Servirà un premier nuovo e credo che Renzi abbia una impostazione diversa, mai convenzionale nell'affrontare i problemi. Farebbe un ottimo lavoro".


Senatrice Di Giorgi, lei insieme ad alcuni suoi colleghi, tutti dell'area renziana, avete presentato una proposta di legge per l'abolizione dei rimborsi elettorali. Come mai questa decisione?
"E' uno dei temi fondanti della campagna elettorale per le primarie di Renzi. Arrivati in Senato è stata una delle prime cose che volevamo fare. Non è più possibile che il Pd rimanga così com'è, con tante strutture, impiegati e sedi. Noi abbiamo una visione diversa del partito che prevede un coinvolgimento delle persone attraverso il finanziamento diretto e uno snellimento dell'organizzazione".

Nel Pd però non tutti la pensano come lei. Il tesoriere Misiani e il segretario Bersani sono contro l'abolizione del finanziamento ai partiti.
"La nostra visione non è condivisa da tutti, ma c'è una sensibilità generale sul finanziamento ai partiti che ormai si è radicata in profondità. Vogliamo dare messaggi chiari alle persone: dobbiamo trovare formule nuove per acquisire le risorse per l'attività politica".

Come ci si finanzia allora?
"Attraverso le donazioni dei cittadini che decidono di finanziare una idea in cui credono. Dal momento in cui tu prendi 10-20 euro da un elettore non sei ricattabile da nessuno. Non sei ostaggio di nessuna lobby".
 

renzi a milano 4

Proprio in questi giorni l'organizzazione della campagna elettorale di Renzi ha pubblicato i nomi dei finanziatori. Il manager Davide Serra ha donato 100mila euro. Renzi si può dire autonomo da una donazione così generosa?
"Ci sono persone che credono fortemente in una persona e che decidono di finanziarla in maniera corposa. Ma se questo è il problema si può anche pensare ad un tetto nelle donazioni, magari sui 10mila euro. L'indipendenza viene assicurata dal fatto che la grossa base dei fondi arriva da piccoli versamenti".

Un provvedimento del genere disarmerebbe anche chi usa l'antipolitica come clava?
"In un momento come questo non si può pensare di lasciare le cose come stanno. Ci sono troppi sprechi legati alla politica. Da Segretaria d'Aula ho riscontrato che ci sono molte voci su cui tagliare e insieme al Presidente Grasso interverremo su sprechi e privilegi".

Matteo Renzi ha detto che la politica sta sprecando tempo. Lei come uscirebbe da questa fase di stallo?
"Si deve trovare un accordo con coloro che vogliono dare un governo al Paese. Spero in una evoluzione da parte di Bersani e della direzione del partito. Spero che questi saggi arrivino ad alcuni punti fermi su cui si possa trovare un accordo di responsabilità tra le forze politiche. Perché le aziende e i lavoratori si sentono persi e chiedono che la politica formi un governo".

Crede che il prossimo Capo dello Stato potrebbe dare l'incarico di formare il governo a Renzi?
"Credo che il nostro partito dovrà prendere atto che queste elezioni non sono state vinte e quindi dobbiamo trovare interpreti nuovi perché ci possa essere credibilità. Non so se l'incarico a Renzi arriverà dopo nuove elezioni, quindi a ottobre o novembre, magari dopo anche eventuali primarie, che sono sempre un momento di democrazia importante. Oppure se l'urgenza della situazione faccia sì che il nuovo Presidente possa incaricare Renzi. Gli scenari sono tutti aperti. Anche se adesso ci dovesse essere un governo di unità nazionale con una personalità indicata dal Colle, poi servirà un premier nuovo e credo che Renzi abbia una impostazione diversa, mai convenzionale nell'affrontare i problemi. Potrebbe fare un ottimo lavoro".

Tags:
renzifinanziamento pubblico ai partiti
in evidenza
"Rido con Zalone, amo gli horror Only Fun? Sarà sorprendente..."

Elettra Lamborghini ad Affari

"Rido con Zalone, amo gli horror
Only Fun? Sarà sorprendente..."

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Nissan JUKE Hybrid Rally Tribute dal concept alla realtà

Nissan JUKE Hybrid Rally Tribute dal concept alla realtà


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.