A- A+
Politica


@AlbertoMaggi74

"Questi del Pd sono fuori di testa!". Matteo Salvini, segretario federale della Lega Nord, interpellato da Affaritaliani.it, commenta così la protesta del Partito Democratico per la rubrica de la Padania con gli appuntamenti del ministro Kyenge. "Ma se sono pubblici! Sono sul sito del ministero...", aggiunge il leader del Carroccio. Onore al merito a la Padania che dà spazio alle preziose iniziative della Kyenge, non vedo dove sia il problema. Anzi, magari qualcuno vuole andare ad ascoltarla per capire cosa fa con i soldi degli italiani. Io vedrò di esserci a molti dei suoi appuntamenti, perché ancora non ho capito che fa... E' scandaloso che qualcuno si scandalizzi, ma forse il Pd si vergogna del suo ministro che parla solo di immigrati e non di italiani".

IL CASO DE LA PADANIA E LA POLEMICA

Da oggi 'La Padania' ha una nuova rubrica che fara' discutere: si chiama 'Qui Kyenge' e riporta l'agenda istituzionale degli incontri pubblici del ministro dell'Integrazione, Cecile Kyenge, nella pagina normalmente dedicata agli appuntamenti degli esponenti leghisti ('Qui Lega'). "I nostri lettori hanno visto che in questi nove mesi Kyenge non ha prodotto alcun provvedumento in Consiglio dei ministri e in Parlamento. Sono nove mesi che fa pellegrinaggio filo-immigrazionista in lungo e in largo per l'Italia e i nostri lettori vogliono essere informati sulle sue iniziative", spiega la direttrice del quotidiano del Carroccio, Aurora Lussana. A chi le chiede se non tema che l'iniziativa possa essere vista come una provocazione verso il ministro piu' osteggiato dalla Lega Nord, o essere percepita come una 'istigazione' alla protesta, Lussana risponde: "No, si tratta dell'elenco dei suoi appuntamenti pubblici, pubblicati sul portale del ministero: noi facciamo informazione sull'attivita' dei membri del governo. I nostri lettori vogliono sapere dove Kyenge si reca per ascoltare i suoi annunci e le sue chiacchiere: e' giusto informarli".

IL PD PROTESTA - "La decisione del quotidiano leghista 'La Padania' di pubblicare in una rubrica fissa gli appuntamenti del ministro Kyenge e' gravissima, ai limiti dell'intimidazione. Prima di verificare altre strade, chiediamo alla Lega di intervenire sul proprio giornale di partito". Lo affermano i senatori Pd Mauro Del Barba e Roberto Cociancich. "Le manifestazioni di piazza organizzate, non a caso, a braccetto con Forza Nuova stanno degenerando - sottolineano i parlamentari dem - Contro il ministro e' in atto una polemica che non esistiamo a definire di stampo razzista. Il Pd, come ha recentemente detto il segretario Renzi, fara' di tutto per approvare una legge sullo ius soli".

Kyenge: ministro 'Padania chi?', Salvini 'la faremo dimettere'
"Padania chi?". Cecile Kyenge sceglie una battuta stile Renzi (celebre il suo 'Fassina chi?' che porto' alle dimissioni del vice ministro dell'Economia) per rispondere a chi le chiede della provocazione del quotidiano leghista che, da oggi, pubblica il calendario dei suoi incontri pubblici. "Non so chi sia la Lega Nord", aggiunge il ministro dell'Integrazione, invitando la politica a condannare il razzismo che uccide la democrazia. Al ministro replica, su Facebook, il segretario federale della Lega Nord, Matteo Salvini. "La Kyenge dice 'La Padania chi? Non so chi sia la Lega Nord'. Chi siamo? Siamo quelli che, dando voce a milioni di cittadini incaz..i da Nord a Sud di cui lei non si preoccupa, la faranno dimettere. Ministero inutile, spesa inutile, idee pericolose".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
kyengesalvini
in evidenza
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi

CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

i più visti
in vetrina
Intelligenza artificiale Covisian tra i protagonisti della 3ª edizione dell'AI Week 2022

Intelligenza artificiale
Covisian tra i protagonisti della 3ª edizione dell'AI Week 2022


casa, immobiliare
motori
Tre propulsioni elettrificate per la nuova Kia Niro

Tre propulsioni elettrificate per la nuova Kia Niro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.