A- A+
Politica

Alberto Alesina e Francesco Giavazzi, nell'editoriale di oggi del "Corriere" esordiscono con questa frase: "Il nuovo governo, chiunque lo guiderà, dovrà dare una risposta rapida e concreta ai problemi del Paese, altrimenti Grillo lo sommergerà". Moltissimi sottoscriverebbero senza esitare questa affermazione. E tuttavia. Credere che se si affida il potere a uno sprovveduto lui se ne avvantaggerà mentre i cittadini rischieranno solo guai non è del tutto esatto. Quell'esperienza potrebbe costituire una salutare e indimenticabile lezione per tutti.

Finché guida un altro si può sempre dire: "Io andrei più veloce"; ma se si ha il volante in mano, e si rischia in proprio, si è indotti ad essere più prudenti. Beppe Grillo può dire assurdità e fare le promesse più inverosimili (il reddito di cittadinanza, ad esempio) perché in questo momento non ha alcuna possibilità di essere chiamato a realizzare ciò che promette. Il giorno in cui andasse al governo, i suoi ministri gli chiederebbero: "Perfetto, ma i soldi dove li prendiamo?"
Nello stesso modo si può ventilare l'uscita brutale dall'euro perché, effettivamente, l'operazione offrirebbe dei vantaggi. Ma nel momento in cui si fosse sul punto di realizzarla, i competenti prospetterebbero gli inconvenienti dell'operazione e forse l'entusiasmo si raffredderebbe. Di molto.

Il demagogo gioca sul velluto finché può limitarsi a denunciare e a promettere, insomma a sbraitare. Se poi gli si affida il potere, si trova posto dinanzi ad una alternativa ineludibile: o rinnega gran parte delle cose che ha detto, piegandosi alle necessità obiettive come facevano quelli che lui criticava, oppure attua quanto promesso, contro venti e maree. Essendo pronto a pagarne lo scotto, in termini di popolarità. Infatti il popolo non perdona chi, pur di attuare un progetto molto applaudito, lo mette nei guai: "Noi non sapevamo che ne sarebbe conseguito questo, ma lui avrebbe dovuto saperlo. E non avrebbe dovuto farci sognare una cosa simile". Gli ateniesi non furono molto grati ad Alcibiade, per averli spronati ad aggredire Siracusa.

Esiste certo il caso marginale in cui i governanti non vedono una soluzione semplice ed effettivamente salvifica, tanto che chi va al governo e la realizza si rivela un padre della Patria. Ma il caso è marginale, appunto. L'ipotesi che tutti siano cretini e solo uno sia abbastanza intelligente per capire qualcosa non è la più probabile. Della validità della profezia non si può essere sicuri neanche se si realizza. Quando Churchill denunciava la pericolosità di Hitler e predicava di prepararsi alla guerra, molti non gli davano retta. Poi le cose andarono come andarono e gli inglesi lo chiamarono al governo: ma quelli che non gli davano retta, quelli che avevano creduto alle promesse della Conferenza di Monaco, non erano tutti degli imbecilli. Non si dice forse che il diavolo non è poi tanto brutto come lo si dipinge? Non si dice forse che can che abbaia non morde? E se realmente Hitler si fosse accontentato dell'Anschluss e dei Sudeti, sarebbe stato il caso di attaccarlo e scatenare la Seconda Guerra Mondiale? Oggi sappiamo che Chamberlain era un brav'uomo capace di farsi illusioni, mentre Churchill aveva una disincantata visione della realtà: ma lo sapevano gli inglesi contemporanei, prima dell'invasione della Polonia?

Grillo per giunta non è né uno storico, né un economista, né un giurista, né un politico. A differenza di Mussolini e di Hitler, non ha neanche una sua visione (poco importa se giusta o sbagliata) del futuro e della società. Non si accorge, dopo tanto gridare, di essere rimasto uno che sa solo fare satira. E la satira non è uno strumento di potere: è una forma letteraria e un tipo di intrattenimento, nulla di più. Il giorno in cui andasse al potere, Beppe rischierebbe o di essere esautorato dai competenti o di combinare in breve tempo tali disastri da essere addirittura rimosso.

Ecco perché non bisogna essere eccessivamente spaventati da Grillo. Il miglior modo di curare il Paese - soprattutto un Paese ignorante e dalla testa dura come il nostro - è quello di fargli assaggiare la minestra dei suoi sogni. Così come è guarito dal fascismo e dalla dittatura, guarirebbe forse dal qualunquismo.

Sul "Corriere" i due editorialisti continuano così: "All'antipolitica e al populismo c'è un solo antidoto: fare qualcosa, finalmente, e farla bene". E si è indotti ad un sorriso amaro. C'è sicuramente modo di farla, la cosa giusta? Chi ci assicura che i provvedimenti da loro proposti non scatenerebbero la rivoluzione, dopo tanti decenni di demagogia dall'alto?

Gianni Pardo, giannipardo@libero.it
 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
governonapolitano
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza


casa, immobiliare
motori
Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021

Nuovo Nissan Qashqai si aggiudica le Cinque stelle Euro NCAP 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.