A- A+
Politica

MEDIASET: BONDI, INTERVISTA ESPOSITO? GIUDICI PARLANO CON SENTENZE - "E' normale che il giudice Esposito entri nel merito della sentenza della Cassazione con un'intervista rilasciata a un quotidiano nazionale? E' questo il nuovo stile dei giudici della Cassazione? Io credevo che i giudici parlassero attraverso le sentenze, anche se controverse, e che i magistrati fossero 'la bocca della legge'. Ma vuol dire che mi sbaglio". Cosi' il coordinatore del Pdl Sandro Bondi commenta l'intervista rilasciata a un quotidiano dal giudice Antonio Esposito, a capo del collegio della Cassazione che ha emesso il verdetto Mediaset, in cui il presidente della Corte afferma che Silvio Berlusconi "e' stato condannato perche' sapeva".

D'ALESSANDRO (PDL), ESPOSITO MERITA AZIONE DISCIPLINARE - "Al di la' dei contenuti, risibili e assai discutibili, l'intervista dell'ineffabile presidente della sezione feriale della Cassazione, Antonio Esposito, e' gravissima. I magistrati, e ancor piu' i giudici, dovrebbero parlare solo con le sentenze (anche quando ci si vergogna di esse) e questo principio dovrebbe valere oggi piu' che mai, per non alimentare tensioni ed esacerbare un popolo di milioni di persone che vuole giustamente reagire a quella che ritiene una grave ingiustizia. Auspichiamo che il ministro della Giustizia promuova un'azione disciplinare e prenda immediati provvedimenti nei confronti del giudice Esposito". E' quanto afferma Luca d'Alessandro (Pdl), segretario della commissione Giustizia della Camera.

CARFAGNA (PDL), ESPOSITO OLTRE I LIMITI - "Nessuno vuole mettere in discussione il sacrosanto principio costituzionale del "manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione", tuttavia esistono dei limiti morali e di opportunita' che il buon senso, le circostanze e i ruoli impongono". Cosi' la portavoce del gruppo Pdl alla Camera dei deputati Mara Carfagna, nell'ultimo post del suo blog (www.maracarfagna.net), ha commentando l'intervista del giudice Antonio Esposito ad un quotidiano. "Un togato - ha sottolineato l'esponente del Popolo della liberta' - dovrebbe esprimere i propri 'giudizi' con le sentenze, che si compongono di un dispositivo e di motivazioni, da depositare nei tempi e nei modi prestabiliti dalla legge. Anticipare queste ultime in forma pubblica, attraverso un'intervista ad un organo di informazione, appare piu' come un modo per ottenere visibilita' per chissa' quale scopo futuro". "Gli esempi di Di Pietro e Ingroia - ha aggiunto - sono assolutamente vividi nella mente di tutti, cosi' come la loro parabola politica". "Un togato, ancora di piu' se della Cassazione, dovrebbe fare della discrezione e del rispetto - formale e sostanziale - nei confronti di chi ha giudicato, degli imperativi categorici. Se cio' non avviene, allora, tutti sono legittimati a 'fraintendere', ponendoci delle domande sulla reale terzieta' di certi giudici", ha concluso Carfagna.

SANTANCHE' (PDL), COMPLIMENTI SIGNOR GIUDICE ESPOSITO - "Come valuterebbe il giudice Esposito il caso di un imputato che si comportasse come ha fatto lui, ovverossia, dichiarasse palesemente il falso? Complimenti, signor giudice". Lo dichiara la deputata Pdl Daniela Santanche'.

CICCHITTO, TRASECOLATI DI FRONTE A INTERVISTA ESPOSITO - "Siamo trasecolati di fronte al fatto che il Presidente di una sezione della Cassazione faccia interviste ai giornali e pasticci talmente le cose da essere anche costretto a smentirne alcune parti", afferma Fabrizio Cicchitto (Pdl), che prosegue: "Giustamente Bondi ha ricordato che i giudici dovrebbero parlare solo attraverso le sentenze ma ormai siamo al punto che alcuni magistrati, sapendo che fanno politica con le loro sentenze, allora tanto vale che le difendano sui giornali, in televisione, in attesa di poterle difendere in Parlamento", conclude Cicchitto. "Siamo sbigottiti di fronte a una palese violazione delle prerogative della magistratura. L'intervista del presidente della sezione feriale della Cassazione, Esposito e' un fatto clamoroso. E' stupefacente che abbia enunciato, tra l'altro con argomentazioni del tutto errate, le ragioni della sentenza di condanna a Berlusconi prima che le motivazioni stesse siano depositate". Lo afferma Maurizio gasparri (Pdl), che aggiunge: "E' comunque evidente che l'intervista del dott. Esposito non puo' non avere conseguenze sugli sviluppi della vicenda".

Secondo fonti della Cassazione l'intervista rilasciata dal presidente Esposito "non inficia, né cambia la decisione sul processo Mediaset", e rilevano come il verdetto sia "già stato emesso e sancito con la pubblica lettura del dispositivo in aula al termine dell'udienza".

Tags:
espositocassazionepdl
in evidenza
"Io e Massara senza contratto Poco rispettoso da Elliott..."

Milan, Maldini attacca

"Io e Massara senza contratto
Poco rispettoso da Elliott..."

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Design Week 2022: per la prima volta le creazioni del lighting designer Entler

Scatti d'Affari
Design Week 2022: per la prima volta le creazioni del lighting designer Entler


casa, immobiliare
motori
Peugeot E-Rifter, il multispazio elettrico adatto a differenti esigenze

Peugeot E-Rifter, il multispazio elettrico adatto a differenti esigenze


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.