A- A+
Politica
guglielmo epifani

Direzione lampo per il Pd nella sede di partito. In meno di un'ora sono state approvate le regole del congresso (confermato per l'8 dicembre), e si è discusso degli avvenimenti delle ultime ore, con le annunciate dimissioni dei parlamentari Pdl e l'attesa di un chiarimento richiesto al premier Enrico Letta. Alla direzione ha partecipato anche Matteo Renzi, che si è seduto nelle ultime file senza lasciare dichiarazioni.

Convenzione nazionale il 24 novembre, primarie l'8 dicembre e presentazione dei candidati alla segreteria del Pd non piu' tardi delle 20 dell'11 ottobre. Questi i primi punti del regolamento per l'elezione del segretario e dell'assemblea nazionale del pd approvato oggi con un solo astenuto. Alle primarie potra' votare anche chi si iscrive al partito o comunque chi dichiari "di riconoscersi nella proposta politica del Pd" il giorno stesso, ovvero l'8 dicembre e sara' richiesto un contributo di 2 euro, da cui e' esentato chi e' gia' iscritto al partito. Inoltre chi si candida alla segreteria non potra' superare il tetto di 200 mila euro per le spese della campagna elettorale, ma non potra' pubblicare messaggi a pagamento.

Tutte le candidature, si legge nel regolamento, devono essere sottoscritte da almeno il 10% dei componenti dell'assemblea nazionale uscente oppure da un numero di iscritti compreso tra i 1.500 e 2.000 distribuiti in non meno di cinque regioni, appartenenti ad almeno tre delle cinque circoscrizioni elettorali per il Parlamento europeo. In ciascun collegio puo' essere presentata una lista collegata a ciascun candidato alla segreteria. L'ordine di illustrazione delle candidature sara' definito attraverso un unico sorteggio nazionale, anche come ordine di illustrazione delle candidature stesse, e delle relative linee politico-programmatiche, nel corso delle Convenzioni provinciali e delle riunioni di Circolo. Dal 7 al 17 novembre ci saranno le riunioni dei circoli in cui verranno presentate le linee politiche collegate ai candidati, "assicurando a ciascuna di esse pari opportunita' di esposizione, entro un tempo massimo di 15 minuti". Le modalita' e i tempi di svolgimento delle riunioni di Circolo devono garantire la piu' ampia possibilita' di intervento agli iscritti. Al termine delle votazioni per la selezione dei candidati per le primarie, in ragione dei voti ottenuti da ogni singolo candidato, l'Assemblea di circolo elegge i propri rappresentanti alla Convenzione provinciale. Convenzioni che si dovranno svolgere entro il 20 novembre 2013.

La Convenzione nazionale e' composta da 1.000 delegati eletti nelle Convenzioni provinciali. Ad ogni Coordinamento provinciale e' assegnato un minimo di due delegati; dai delegati per funzione: il Segretario nazionale e i candidati alla carica di Segretario nazionale; i componenti della Commissione nazionale per il congresso, il presidente e i componenti la Commissione di garanzia. In apertura della Convenzione, la Commissione nazionale comunica ufficialmente i risultati delle votazioni svoltesi nelle riunioni di Circolo e determina i candidati ammessi alla seconda fase del procedimento di elezione del segretario nazionale. La Commissione nazionale, decide entro il 6 novembre, la ripartizione territoriale dei componenti l'Assemblea nazionale che viene effettuata proporzionalmente per il 50% sulla base della popolazione residente e per il restante 50% sulla base dei voti ricevuti dal Pd nelle elezioni del 2013 per la Camera dei Deputati. La Commissione nazionale determina i confini di ciascun collegio e in ciascun collegio puo' essere presentata una lista collegata a ciascun candidato alla Segreteria. Nel regolamento si legge che puo' votare alle primarie per l'elezione del Segretario e dell'Assemblea Nazionale, tutte le elettrici e gli elettori che sono iscritti al Pd o chi dichiara "di riconoscersi nella proposta politica del Partito, di sostenerlo alle elezioni, e accettino di essere registrate nell'Albo pubblico delle elettrici e degli elettori".

Per la registrazione si dovra' dare nome e cognome, i dati anagrafici, la residenza, e un eventuale indirizzo di posta elettronica e l'esplicita autorizzazione dell'elettore all'uso dei suoi recapiti al fine di ricevere informazioni e notizie sull'attivita' del Partito democratico. Chi si iscrive al Pd il giorno stesso delle primarie o comunque dichiari di "riconoscersi nella proposta politica" dovra' versare un contributo di 2 euro da cui invece sono esentati gli iscritti. La Commissione nazionale comunica i risultati delle primarie e convoca la prima riunione dell'Assemblea nazionale entro 10 giorni dall'8 dicembre. L'Assemblea nazionale, sotto la presidenza provvisoria della Commissione nazionale, elegge il proprio presidente. Quindi il presidente dell'Assemblea nazionale proclama eletto alla carica di Segretario il candidato che ha vinto le primarie. La Commissione nazionale per il Congresso e la Commissione nazionale di garanzia avranno la responsabilita' di accesso e vigilanza sull'anagrafe degli iscritti e sull'Albo degli elettori. La Commissione nazionale di garanzia ha il compito di acquisire gli elenchi nominativi degli iscritti e di stabilire le modalita' di accesso ai dati contenuti nell'Anagrafe degli iscritti da parte dei dirigenti di ciascun livello territoriale, dei candidati ad elezioni interne di ciascun livello territoriale,ivi compreso quello nazionale, avendo cura di garantire ai candidati su basi paritarie la possibilita' di comunicare con gli iscritti e gli elettori. Gli elenchi, si legge nel regolamento, sono consultabili con formale richiesta alla commissione provinciale per il Congresso, che risponde entro 24 ore dalla ricezione della richiesta. Gli elenchi pero' non sono riproducibili, a pena di sanzioni. Non e' ammessa, da parte dei candidati o della lista/e che li sostengono, la pubblicazione a pagamento di messaggi pubblicitari o di propaganda personale sui mezzi di comunicazione radiotelevisivi, telematici,giornali riviste o altri organi di stampa e comunicazione. Le spese della campagna elettorale alla campagna elettorale di ciascun candidato non possono superare i 200mila euro per i candidati a segretario nazionale e 8 mila euro per la carica di candidato a segretario provinciale. Entro il 15 dicembre 2013 i candidati a segretario nazionale e a ciascun livello territoriale trasmettono alla Commissione nazionale di garanzia o alla commissione territorialmente competente, personalmente o tramite il proprio mandatario, il rendiconto relativo ai contributi e servizi ricevuti, alle spese sostenute ed agli impegni assunti. I rendiconti dovranno elencare anche tutte le persone o le imprese che hanno ricevuto dal candidato segretario piu' di 5 mila euro, e verranno resi pubblici sul sito del Pd.

Tags:
pdpdlepifaninapolitano

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia

Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.