A- A+
Politica

di Antonino D'Anna

napolitano 500 6

La rielezione di Giorgio Napolitano al Colle solleva gli animi dei monsignori Oltretevere. Il tanto temuto spauracchio rappresentato dalla potenziale elezione, a scelta, del cattolico adulto Romano Prodi e del laico (molto laico, per Oltretevere) Stefano Rodotà, non si sono verificate. E al di là del Portone di Bronzo c'è chi, finalmente, tira un respiro di sollievo. Almeno per il momento, e in attesa delle prossime scelte tra legge elettorale, scioglimento delle camere e prossime elezioni. Traduzione: se Grillo vince quest'estate sarà un bel problema da affrontare, essendo M5S un partito difficilmente definibile come cattolico.

LA CENA CON RATZINGER- Ma torniamo a noi. La rielezione dell'attuale presidente della Repubblica - fanno notare da Oltretevere ad Affaritaliani – rappresenta la conservazione dello status quo nei rapporti tra Roma e la Santa Sede. Napolitano, infatti, ha mantenuto ottimi rapporti con il Papa emerito Benedetto XVI, col quale ebbe anche una cena riservata resa nota dalla pubblicazione del libro “Sua Santità” di Gianluigi Nuzzi. Cena che permise al Papa tedesco di poter far sentire la sua voce. È il 19 gennaio 2009 e, qualche giorno prima, il ministro degli esteri Dominique Mamberti convoca il suo consigliere, monsignor Antonio Filippazzi, per discutere eventuali temi della serata. Si suggeriscono (poi non è dato sapere se Joseph Ratzinger abbia parlato di questi “suggerimenti” con Napolitano) la famiglia, una tassazione in suo favore e sostegni alla natalità, no all'equiparazione di altre unioni al matrimonio, necessità di una legge sul fine vita e tutela della parità scolastica.

DA DONNA FRANCA A PAPA FRANCESCO- Dopo le battute di donna Franca Pilla in Ciampi, che con Benedetto XVI si lasciava andare a paterni suggerimenti sul non prendere freddo o discuteva sulla pronuncia del nome del segretario di Ratzinger, Georg Gaenswein, la sempre impeccabile Clio Bittoni Napolitano è riuscita gradita allo stesso modo nei sacri palazzi. E adesso la rielezione, che vedremo se e in che modo potrà costruire un rapporto approfondito con papa Francesco. Il quale, peraltro, non starebbe dando segni di attenzione verso la politica italiana (vedremo in seguito se se ne interesserà in qualche modo). Tira un sospiro di sollievo, in generale, il segretario di Stato Tarcisio Bertone, che sa di poter contare su un interlocutore avvicinabile sul Colle, nell'attesa che vengano sciolte le Camere e arrivino le prossime elezioni.

RODOTA' IL LAICO- Ma è un sospiro breve, perché – e questo è un punto che dovrà essere affrontato dalla Gerarchia nei prossimi giorni – l'affondamento di due cattolici come Franco Marini e Romano Prodi e l'ascesa del laico Rodotà è un chiaro segno del fatto che la presenza cattolica dovrà ripartire necessariamente da zero. Quello che Oltretevere di Rodotà non è mai piaciuto è appunto la sua visione laica della società con una particolare attenzione al riconoscimento delle unioni omosessuali (il giurista calabrese ha spesso parlato apertamente di matrimonio omosessuale), osservando che “il diritto di morire appartiene giuridicamente a ognuno di noi”. Eppure il costituzionalista prediletto da Beppe Grillo ha ottenuto un interessante numero di voti. E potrebbe, un domani, essere nuovamente riproposto.

TEMPO DI RIFLESSIONE- Più che altro, adesso è tempo di riflettere e ripartire, per la Chiesa cattolica. Il clima di confusione che attualmente regna Oltretevere, in questo periodo così convulso (resterà Bertone? Fino a fine anno almeno? Vedremo anche questo...), ha contribuito a partorire il niente di fatto parlamentare, con i cattolici in politica allo sbando - specie i cattopiddì - e nel mare in tempesta (da segnalare il cattolico – o, se preferite, di provenienza o radici popolari - Matteo Renzi, che ha osservato come l'essere cattolici non è un requisito per l'elezione al Quirinale, altro argomento su cui meditare). Fino alla riconferma di Napolitano.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
chiesafrancesconapolitanoratzinger
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Stellantis: inaugurata “Arena del Futuro”, l’innovativa ricarica ad induzione

Stellantis: inaugurata “Arena del Futuro”, l’innovativa ricarica ad induzione


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.