A- A+
Politica
La riforma Cartabia? Altro che Draghi, è una grana per il Pd
Lapresse

Diverse fonti dem incrociate dal nostro giornale, comunque, sono fiduciose che alla fine un punto di caduta verrà trovato: “Se dovessi scommettere oggi – dice un parlamentare dietro garanzia di anonimato – al netto delle divisioni all’interno del M5s, direi che prevarrà la linea della mediazione. Alla fine accetteranno seppure obtorto collo, la soluzione finale”.

La soluzione finale, appunto. Ma quale può essere? “Il terreno della mediazione è una norma transitoria che prevede per i primi tre anni una prescrizione più lunga rispetto a quella contemplata dalla riforma Cartabia – spiega un dem vicino al dossier -. In modo da consentire un ‘atterraggio morbido’ di questo strumento negli uffici giudiziari, anche di quelli che sono più in difficoltà oggi”. Si tratta della proposta contenuta proprio in un sub-emendamento a prima firma Bazoli.

Ora il pallino comunque è nelle mani del Governo e del titolare del dicastero di Via Arenula. E’ da Chigi, quindi, che si attende un segnale per sbloccare l’impasse. Due le opzioni possibili: l’esecutivo potrebbe scrivere un nuovo emendamento che poi però potrebbe essere subemendato in Commissione, il che richiederebbe altro tempo, oppure dare un via libera a questa soluzione di compromesso che è, appunto, un sub emendamento già esistente. In tal caso, la Commissione potrebbe votarlo, insieme alle altre modifiche proposte. Un lavoro che presumibilmente inizierà lunedì e di gran corsa per rispettare la tempistica e, quindi, l’approdo in Aula della riforma il prossimo 30 luglio. Sempre che il M5s - che al momento sulla prescrizione non transige dal tetto di 4 anni per l’Appello e due per la Cassazione – dica sì. Senza trascurare poi i paletti delle altre forze di maggioranza. A cominciare dalla Lega - per Matteo Salvini della riforma Cartabia “non si tocca neanche un virgola” – e da Forza Italia, che col sottosegretario alla Giustizia Francesco Paolo Sisto nelle scorse ore ha messo in guardia: “Se qualcuno pensa, surrettiziamente, di tornare al fine processo mai, ha fatto male i suoi conti”. Ma nell’equilibrio delicato da tenere in piedi rientra pure Italia viva che ha già dato l’alt all’ipotesi di allungare i tempi della prescrizione sui reati di corruzione.

Nella migliore delle ipotesi, comunque, pur ammesso che in Aula approdi un testo con alcune modifiche recepite dal Governo, lo scoglio degli emendamenti si ripresenterebbe. Se fossero troppi, tra l’altro la strada della fiducia non sarebbe proprio agevole. Per un provvedimento come questo andrebbe posta infatti sui singoli articoli.

Morale della favola? “Tutto questo si poteva evitare – taglia corto una fonte di Italia viva -. Alla fine il testo potrebbe essere approvato in una giornata. Sono solo le tensioni del M5s, a cui però il Pd dà sponda, che stanno facendo accumulare ritardi. E la cosa desta ancora maggiore meraviglia se si pensa che una intesa era stata raggiunta da tutti i ministri in Cdm, inclusi quelli del Pd, che ora stanno cercando di tenere il piede in due scarpe”. Ecco perché, come dice ad Affari il presidente di Iv Ettore Rosato, “è proprio il Partito democratico che deve scegliere: o il sostegno leale al Governo Draghi e la mediazione votata in Cdm oppure correre dietro a Conte per ottenere i voti M5s sul collegio di Siena”. Insomma, tertium non datur.

 

Commenti
    Tags:
    marta cartabiagiustiziapdenrico lettaprescrizionem5sgiuseppe contemario draghisemestre biancomattarellamatteo renzi
    in evidenza
    Nicole Minetti su Instagram Profilo vietato agli under 18

    Le foto valgono più delle parole...

    Nicole Minetti su Instagram
    Profilo vietato agli under 18

    i più visti
    in vetrina
    Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima

    Meteo inverno 2021 2022, sarà l'anno della neve in pianura. Tanta, tantissima


    casa, immobiliare
    motori
    Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia

    Ford Mustang Mach-E GT: il più potente SUV elettrico Ford approda in Italia


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.