A- A+
Politica

Di Ernesto Vergani

E’ secondario che il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, si rechi in treno a Firenze e in tram a Scandicci per l’inaugurazione dell’anno accademico della Scuola Superiore della Magistratura.

Certamente è un messaggio utilissimo. Gli italiani apprezzano  che il loro più alto rappresentante istituzionale si attenga a principi di low profile e understatement.

La gente soffre economicamente e i politici sono mal visti, oltre che per opportunismi, ruberie e scandali di disonesti, per dubbi sulla loro qualità intrinseca di politici appunto, per come sono selezionati, per quali abilità e/o meriti occupino quei posti che dovrebbero essere massimo onore.  Si può dubitare che molti degli aventi diritto degli oltre 61 milioni di italiani sarebbero più degni di molti dei 630 deputati e 315 senatori attuali.

Va inoltre detto che gli italiani sono consapevoli,  e proprio per questo rispettano e stimano il gesto di Sergio Mattarella, del fatto che una simile scelta è anche strumento di comunicazione. Un conto è  acquistare il biglietto in stazione e dal tabaccaio, un altro viaggiare accompagnati dal “maggiordomo”.

Cionondimeno, per completezza,  è  legittimo che un leader politico abbia  corsie riservate per spostamenti nelle sue funzioni sia per quantità degli impegni sia per ragioni di sicurezza. Si pensi a un leader politico che debba recarsi nella stessa giornata da Roma a Milano a Bruxelles a Berlino. Impossibile che utilizzi mezzi ordinari.

Di là di tutto ciò, sicuramente gli italiani del loro Capo dello Stato primariamente giudicano positivamente le sue prerogative di interagire con la funzione legislativa e normativa del Parlamento e del Governo ossia i suoi poteri di autorizzare disegni di legge, emanare decreti e regolamenti, rinviare alle Camere leggi non promulgate.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
mattarellacapo dello statosostanza
in evidenza
Ferragni spettacolare a Parigi Calze a rete e niente slip

Le foto delle vip

Ferragni spettacolare a Parigi
Calze a rete e niente slip

i più visti
in vetrina
Briatore innocente, non frodò il fisco con lo yacht. "Fine di un calvario"

Briatore innocente, non frodò il fisco con lo yacht. "Fine di un calvario"


casa, immobiliare
motori
Renault svela gli interni della nuova Austral

Renault svela gli interni della nuova Austral


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.