A- A+
Politica
Laura Boldrini fonda la rete civica Futura, ma è già trapassato remoto
Matteo Salvini e Laura Boldrini

Laura Boldrini fonda la sua rete civica, per alcuni il suo nuovo partito dopo il flop di Liberi e Uguali (già naufragato a pochi mesi dalla sua costituzione), una rete incentrata su tre movimenti "ambientalista, femminista e volontariato".

Così l'ex Presidente della Camera dei Deputati ha annunciato, lo scorso lunedì, alla Fabbrica E di Torino, il programma di "Futura", che si pone come scopo principale la costruzione di un Centrosinistra allargato e dalla vocazione pluralista.

Ad applaudirla alla Fabbrica E, l'assessore piemontese alle Pari Opportunità Monica Cerutti, l'ex assessore all'Istruzione del Comune di Torino ed ex deputato dem Davide Mattielli e il capogruppo Pd nel Consiglio Regionale Domenico Ravetti. Da segnalare in platea anche la presenza di Carlotta Trevisan, ex Consigliera grillina di Rivoli (To) che ha lasciato il Movimento in quanto spostatosi troppo a Destra dopo l'alleanza con la Lega di Matteo Salvini.

"Siamo aperti" ha dichiarato Laura Boldrini, sottolineando l'importanza strategica delle prossime Elezioni Europee, "a tutti coloro che non vogliono consegnare l'Italia e l'Europa al sovranismo, dagli amici del Pd e di Leu, sino ai cani sciolti e ai liberi cittadini". E non poteva mancare la stoccata al suo nemico più acerrimo, il leader del Carroccio: "A chi è preoccupato dal fatto che il vicepremier Salvini abbia come riferimento personaggi come Victor Orbán, Vladimir Putin e Donald Trump. Credo sia giunto il momento di metterci la faccia per salvare quanto di buono il progressismo ha prodotto in materia di diritti, uguaglianza e giustizia. Se continuiamo a dividerci tra di noi, a cercare leader con le liti, faremo tutti insieme un buco nell'acqua".

Parole che non possono non far pensare alla storia di Liberi e Uguali, grazie al quale - per giunta - la Boldrini è tornata in Parlamento grazie a uno strategico ripescaggio alle ultime elezioni che l'hanno vista ottenere un numero di voti piuttosto deludente; quello stesso Liberi e Uguali, nato solo ed esclusivamente per ripicca contro Matteo Renzi e per danneggiare il Partito Democratico alle urne, favorendo proprio quei movimenti polulisti e sovranisti che la Boldrini condanna.

La lista Futura ha fra l'altro promesso il suo appoggio a Sergio Chiamparino (già deputato dal 1996 al 2001, già sindaco di Torino dal 2001 al 2011, e attuale presidente della Regione Piemonte in campo per il secondo mandato), il quale - essendo nato nel 1948 - nel 2019 avrà settantuno anni. Anziché "Futura",  insomma, visti i personaggi coinvolti, le argomentazioni addotte e gli impegni annunciati, sembrerebbe piuttosto trapassato remoto. 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    laura boldrinimatteo salvininuovo partito di laura boldrinifuturasergio chiamparinosovranismoleuliberi e ugualielezioni europee 2019elezioni regionali piemonte 2019
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


    casa, immobiliare
    motori
    Look più sportivo e AMG Line di serie per la nuova Mercedes CLS

    Look più sportivo e AMG Line di serie per la nuova Mercedes CLS


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.