A- A+
Politica
#Renzinoncifregare sulle riforme. Di Adriana Santacroce

di Adriana Santacroce

Sembra sempre che sia il vincitore quando torna. Renzi dopo l'incontro con la Merkel ha mostrato il solito ottimismo che, però, questa volta, non fa che nascondere la polvere sotto il tappeto. "L'Europa ci darà la flessibilità se facciamo le riforme" ha detto in tutte le salse. É vero. Ma quali riforme e, soprattutto, a che prezzo? Facciamo un po' di ordine.

I nostri conti fanno sempre più acqua. Il debito pubblico é aumentato di 26 mld in un solo mese. I consumi stagnano. L'effetto degli 80 euro per ora é totalmente sterilizzato. Le aziende chiudono e la disoccupazione, con il picco di quella giovanile, cresce ogni giorno. Le riforme che servono all'Italia, in primis, sono quelle economiche. Occorrono il rilancio di una politica industriale, come ad esempio il rilancio del turismo (la migliore carta che abbiamo), la sburocratizzazione delle imprese, l'alleggerimento della pressione fiscale e la flessibilità del mercato. Peccato che, a parte il decreto Poletti sul contratto a termine che permette alle imprese di assumere con più tranquillità, di tutto questo non ci sia nemmeno l'ombra. Il premier ha rinviato il ddl sul lavoro a dopo il semestre europeo. E la ragione é incomprensibile. Bisogna farla bene, dice Renzi, e adesso non c'è tempo. Strano, perché la vera emergenza del Paese, a la Merkel lo sa bene, é la disoccupazione. Le uniche manovre economiche fatte sono, appunto, il decreto lavoro e gli 80€ in busta paga. Un modo, questo, per tenere buone le imprese e tanti dipendenti. Una bella pastiglia per il mal di testa che lo fa smettere di pulsare ma che rinvia al 2015 la vera cura.

L'Europa, ad oggi, non ha accettato il rinvio di un anno del pareggio di bilancio. Questo vuol dire che se gli 80€ saranno confermati ed estesi anche ad autonomi e pensionati (come il premier ha promesso) serviranno solo 15 mld per questo. Da aggiungere alla cifra da sborsare per il pareggio di bilancio. Un'enormità. Un'altra manovra, e lo dicono in tanti, che, se da una parte, accontenterà tanti portafogli, dall'altra dovrà pescare da qualche parte. Sono in tanti a parlare, ad esempio, del ripristino della tassa di successione. Ora la franchigia entro cui non si paga é un milione di euro. Voci di corridoio dicono che Renzi vuole abbassarla a 100ml euro, ma la maggioranza smentisce. Staremo a vedere.

Intanto, della famosa spending review per ora c'è solo una pallida traccia. A parte i 2,3 mld di tagli per coprire gli 80€, richiesti allo Stato e a enti locali (e dobbiamo ancora vedere su cosa si rivarranno) non c'è granché. A meno che si consideri un taglio la vendita su internet delle auto blu, che, anche come mossa di marketing, non è neanche riuscita tanto bene.

Infine le riforme. Quelle a cui tiene tanto Renzi. La quadra la troveranno. Il Senato però, se rimarrà la formula del secondo livello, rischia di far esplodere la legislatura nelle mani dello stesso Renzi. Se la riforma passa va da sé che il Senato in carica perderebbe di legittimità e poiché quello nuovo non avrebbe bisogno di elezione diretta ma, in gran parte, virtualmente, esisterebbe già, formato da consiglieri e sindaci, si rischierebbe di avere due Senati. Uno effettivo e uno ombra, ma più legittimato a esprimersi. E qui comincerebbero i guai. Il Parlamento potrebbe ancora legiferare? O si dovrebbe tornare a votare? Occhio, perché sarebbe un modo, l'ennesimo, per rinviare ancora le riforme. Quelle che servono davvero.

@AdriSantacroce

Tags:
renzieuropasantacroce
in evidenza
"Rido con Zalone, amo gli horror Only Fun? Sarà sorprendente..."

Elettra Lamborghini ad Affari

"Rido con Zalone, amo gli horror
Only Fun? Sarà sorprendente..."

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Nissan JUKE Hybrid Rally Tribute dal concept alla realtà

Nissan JUKE Hybrid Rally Tribute dal concept alla realtà


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.

Error processing SSI file