A- A+
Politica

di Pietro Mancini

Il nostro è uno strano Paese dove, come è noto, Veltroni, pur avendo guidato i giovani comunisti del partito di Berlinguer, si è sempre dichiarato un fervente anticomunista. E dove Fini - che scese in piazza, facendo il saluto romano, con i giovani neofascisti piuttosto "vivaci" - ha bocciato la dittatura di Mussolini come "il male del secolo scorso".

E, dunque, non è in discussione la legittimità delle nuove posizioni di don Luciano Violante sui nodo, da sempre incandescente, dei rapporti tra politica e giustizia.

Ma, in nome della chiarezza e della trasparenza, oggi più che mai necessarie, sarebbe utile che l'ex Presidente della Camera diradasse i dubbi, confutando la tesi di quanti ipotizzano che la scelta sia legata a convenienze politiche e ad aspirazioni per la poltrona e lo stipendione della Consulta. E motivasse, pubblicamente, le ragioni del suo passaggio da leader, negli anni 90, del cosiddetto "partito dei giudici" - che gli valse la definizione, da parte di Cossiga, di "piccolo Vishinsky" - all'adesione totale alla tesi, in passato "dalemona" e oggi "renzuscona", del primato della politica e del Parlamento sulla magistratura, spingendosi a proporre il superamento dell'obbligatorietà dell'azione penale.

Tags:
violantemancini
in evidenza
Noemi-Totti, le voci di un bebè Misteriosa trasferta in yacht

La nuova fiamma - FOTO

Noemi-Totti, le voci di un bebè
Misteriosa trasferta in yacht


in vetrina
ASPI, selezionate le top 20 mete dell’estate 2022 su Wonders

ASPI, selezionate le top 20 mete dell’estate 2022 su Wonders


casa, immobiliare
motori
Cesare Fiorio Destriero: un successo indimenticabile

Cesare Fiorio Destriero: un successo indimenticabile


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.