A- A+
Politica
Charlie Hebdo, "no alla pena di morte". La Lega non segue la Le Pen


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


Questa volta la Lega Nord non segue Marine Le Pen. La leader del Fronte Nazionale ha invocato la pena di morte dopo la strage di Parigi nella sede del Charlie Hebdo. Gian Marco Centinaio, capogruppo del Carroccio al Senato, afferma ad Affaritaliani.it: "Non sono d'accordo con la pena di morte. Io sono un obiettore di coscienza e non posso essere favorevole. Serve l'ergastolo a vita, buttando via la chiave e mettendo queste persone nelle carceri più schifose. Ma niente pena di morte". Gli fa eco Massimiliano Fedriga, capogruppo della Lega Nord alla Camera, che sempre Affaritaliani.it dice: "Sono contrario alla pena di morte. Il problema è che in Italia non c'è nemmeno il carcere, visti i provvedimenti del governo come gli svuotacarceri. Il punto e far rispettare le pene e non permettere ai criminali di circolare sul territorio". Poi Fedriga attacca il governo confermando le parole di Paolo Grimoldi contro il governo: "Favorendo l'immigrazione clandestina, con due procure che indagano per infiltrazione terroristica, il tutto senza alcun filtro e senza controlli, nei fatti e non come volontà, il governo Renzi favorisce i terroristi".

Tags:
legapena di morte
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Jeep Gladiator: il pick-up da off-road

Jeep Gladiator: il pick-up da off-road


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.