A- A+
Politica
Legge elettorale, ennesimo rinvio: lunedì il voto finale

Avremo ancora, se interessa, la possibilita' di votare per 'Forza Roma' o 'Forza Lazio', o, piu' verosimilmente per liste meno evocative ma piu' concretamente legate alla politica. Insomma, le 'liste civetta' sono salve. L'Aula di Montecitorio, infatti, ha bocciato un emendamento presentato dal responsabile riforme di Scelta civica, Renato Balduzzi, che chiedeva di includere nel calcolo dei voti da assegnare alla coalizione solo le liste collegate che avessero conseguito a livello nazionale almeno l'1% dei voti validi espressi. Sull'emendamento governo e commissione avevano dato parere negativo.

E' una delle novita' dell'esame della riforma elettorale, insieme al dato politicamente piu' di rilievo: si va oltre il fatidico venerdi' evocato da Matteo Renzi come 'scommessa' per la riforma. L'esame della legge elettorale proseguira' infatti nella giornata di oggi, con una seduta notturna, fino a mezzanotte. Domani stop per la celebrazione del Congresso di Fratelli d'Italia, a Fiuggi.

E' scontato che il voto finale sull'Italicum slittera' alla prossima settimana. Tornando all'esame in Aula, ecco l'ok all'emendamento Parisi (FI) - parere favorevole di commissione e governo - che prevede che siano computati nel calcolo dei voti da attribuire alla coalizione i voti ottenuti dalle "liste che si siano presentate in meno di un quarto dei collegi plurinominali, con arrotondamento all'unita' inferiore", anche se non superano lo sbarramento del 4,5%, purche' il partito per cosi' dire 'principale' della coalizione superi la soglia di ingresso prevista per i partiti che si presentano coalizzati. Tradotto dal 'tecnichese', significa che i voti ottenuti dai 'piccoli' partiti pur non consentendo loro l'ingresso in Parlamento, perche' sotto lo sbarramento del 4,5%, servono alla coalizione per superare la soglia del 12% e, soprattutto, puntare ad arrivare ad ottenere il premio di maggioranza, che scatta se si ottiene, appunto come coalizione, il 37% dei voti. Emendamento, questo, che ha fatto infuriare i piccoli partiti, mentre viene difeso dai 'grandi'.

A scrutinio segreto sono state anche bocciate le proposte di modificare, abbassandola, la soglia di ingresso per i partiti in coalizione, ora prevista al 4,5%, come da accordo raggiunto nella maggioranza e con Forza Italia.

E Giorgio Napolitano stoppa chi lo tira per la giacca, affidando a una nota la considerazione per cui "mentre sono in corso discussioni e votazioni in Parlamento sulla legge elettorale, e' fuorviante chiedere al Presidente della Repubblica, in nome di presunte incostituzionalita', di pronunciarsi o 'intervenire' sulla materia". Con il Parlamento al lavoro, osserva ancora, il Presidente della Repubblica non puo' che auspicarne la conclusione positiva su basi di adeguato consenso parlamentare, non avendo altro ruolo da svolgere che quello della promulgazione - previo attento esame - del testo definitivamente approvato dalle Camere.

Tags:
legge elettorale
in evidenza
Aria fredda polare sull'Italia Fine maggio da... brividi

Meteo previsioni

Aria fredda polare sull'Italia
Fine maggio da... brividi

i più visti
in vetrina
Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede

Banca Ersel, inaugurato il progetto di ristrutturazione della nuova sede


casa, immobiliare
motori
BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare

BMW, nuova iX xDrive50 rivoluziona il piacere di viaggiare


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.