A- A+
Politica


Il presidente del Consiglio interrompe la breve pausa estiva intervenendo al meeting di Rimini di Comunione e liberazione. E detta subito la sua priorità: "La legge elettorale andrà approvata a ottobre. E' il cambiamento più urgente da fare". Poi rivendica il percorso fatto dall'Italia sul piano economico: "Alla fine del 2011 saliva lo spread, sembrava la fine del mondo, in queste ultime giornate gli spread sono tornati indietro a prima di quel momento così drammatico. In questi due anni un percorso faticoso e doloroso si è compiuto". E ricorda le condizioni in cui è nato il suo governo: "Non possiamo dire che a febbraio non è successo nulla, è successo un terremoto che ha riguardato tutte forze politiche e ha cambiato il modo di essere dei cittadini italiani. Quella è stata l'ultima richiesta alla politica di cambiare e noi non possiamo essere sordi". Quindi difende la nascita delle larghe intese: "L'incontro non vuol dire che le differenze scompaiono. Fa paura solo a chi è incerto della propria identità e dei propri valori".  E ancora: "Non voglio che nessuno interrompa questo percorso di speranza che abbiamo cominciato: l'uscita dalla crisi è a portata di mano. Gli italiani puniranno chi anteporrà gli interessi personali e di parte all'uscita della crisi".

Poco prima il capo del governo, parlando con i giornalisti, aveva parlato di giovani: "Non li  lasceremo soli, lavoreremo e faremo di tutto perché riescano ad avere quelle opportunità che i ragazzi in altri Paesi d'Europa già hanno". Lo ha detto il Presidente del Consiglio Enrico Letta conversando con i giornalisti nel corso della visita al Meeting di Comunione e Liberazione che si è aperto oggi a Rimini.

Di Europa e giovani ha parlato anche Giorgio Napolitano, nella videointervista registrata per il meeting: "Mi auguro una nuova fase di sviluppo per i giovani". E ancora: "Di che cosa è malata l'Europa? La risposta più semplice sarebbe è malata di mancato sviluppo economico e sociale. Non riesce a crescere, sta perdendo velocità, sta perdendo competitività". "Non c'è più bisogno dell'Europa per garantire la pace interna - ha detto il capo dello Stato - però c'è bisogno di essere uniti e più integrati di prima perchè altrimenti l'Europa rischia di essere sommersa dal processo di globalizzazione e di perdere peso in modo drastico". Il presidente ha parlato anche del ruolo della Chiesa: "Davanti all'emergenza rappresentata da una grave forma di impoverimento spirituale, culturale serve una reazione. E' importante il contributo che viene ai più alti livelli dalla Chiesa Cattolica, contributo che soltanto dei ciechi possono non vedere".

Il caso Formigoni. L'ex governatore lombardo ha scelto comunque di presentarsi al meeting: "Sono qua come sempre perchè il meeting, al di là degli incontri e delle cose che vengono dette, è la partecipazione straordinaria di questa gente, di tutte le età, giovani, adulti, famiglie in grande quantità e in grande qualità", ha detto polemicamente Formigoni (non invitato dagli organizzatori).
 

Tags:
letta
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Stellantis, successo confermato al Company Car Drive 2022

Stellantis, successo confermato al Company Car Drive 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.